Family Lab: alla scoperta delle emozioni

di

Cinque incontri con 6 ragazzi in messa alla prova e le loro famiglie per imparare a scoprire le emozioni più recondite, elaborare le motivazioni che animano le relazioni con se stessi e con i loro genitori e imparare che esiste una strada nuova, oltre il reato commesso. Prosegue con successo il progetto ‘Family Lab: riscoprirsi persone’, promosso dall’associazione di volontariato penitenziario “Noi&Voi”, nell’ambito del progetto ‘Oltre l’Ombra”, finanziato dal bando Cambio Rotta dell’impresa sociale Con i bambini. Un progetto nato grazie alla collaborazione dell’associazione Italiana Mediatori Penali A.I.Me.Pe, con la sua presidente Mariacristina Ciambrone e la mediatrice penale e penale minorile Maria Spizzirri e con il coinvolgimento dell’Ufficio di Servizio Sociale per i Minorenni di Taranto. «Il percorso è composto da cinque incontri – spiega Maria Grazia Marangi, assistente sociale e mediatrice penale, responsabile dell’equipe multidisciplinare del progetto – duranti i quali vengono resi noti i punti cardine di ciò di cui consta un percorso così detto riparativo: è stata prevista una cadenza quindicinale degli incontri per permettere ai ragazzi di creare un filo conduttore tra loro, mediatori e famiglie e consentire la riflessione sulla tematica affrontata e la sua applicazione in un tempo congruo. All’interno del progetto abbiamo voluto mettere in pratica le tecniche proprie di Giustizia Riparativa chiamate Restorative Circles, Circoli di Restauro, all’interno dei quali mediatori e partecipanti mettono in campo quelle che sono le emozioni più antiche per ricostruire il legame genitoriale perso o andato pian piano sfumandosi, di educare all’affettività, di imparare a gestire le emozioni e, soprattutto, di responsabilizzare gli autori di reato, facendoli lavorare non solo su ciò che si è causato alle vittime ma, anche, su ciò che si è causato alle loro famiglie. E siamo contenti che stia emergendo la consapevolezza, oltre che dell’errore commesso, del doversi riconoscere come persone prima che come genitori e figli». D’altronde alla base del concetto di mediazione c’è l’idea, sposata dal progetto Family Lab, che per ridurre i rischi di recidiva e  fare in modo che il minore comprenda fino in fondo l’errore commesso, è fondamentale che venga percorsa la strada delle emotività, senza vergognarsene e senza vivere con la convinzione di doverla reprimere attraverso atteggiamenti devianti ma imparando a mostrarla per essere apprezzati e, soprattutto, per apprezzarsi. Un percorso in linea con gli obiettivi dell’Agenda 2020/30 rispetto all’idea che i “conflitti inascoltati o delegati mantengono ferite aperte e aumentano le distanze” e con quanto asserito dall’European Forum for Restorative Justice (EFRJ) e cioè che “la giustizia riparativa si prospetta come una giustizia delle persone e delle relazioni che ha come elemento focale la partecipazione attiva anche dell’autore del reato e della comunità di appartenenza”.

 

Regioni

Ti potrebbe interessare

Family Lab: testimonianze dal percorso di Taranto

di

Sorrisi sinceri per superare paure e sensi di colpa. Si è concluso anche a Taranto il ciclo di incontri per genitori/figli, promosso...

Oltre l’Ombra: il bilancio delle attività formative

di

Si sono concluse positivamente alcune delle attività per minori in messa alla prova promosse dalla nostra associazione nell’ambito del progetto “Oltre l’ombra”,...

Si conclude il percorso di letture per una cittadinanza attiva

di

Si è concluso il percorso di cittadinanza attiva attraverso i libri, promosso dall’associazione “Noi&Voi”, con la presenza di alcuni dei beneficiari del...