Giovani registi crescono con il Cactus Lab

di

 Un laboratorio cinematografico di 3 intense giornate tra immagini e incontri che, attraverso una speciale programmazione di cortometraggi internazionali dedicati ai bambini e ai ragazzi, ha permesso di acquisire a ragazzi/e tra  gli 11 e i 14 anni, una maggiore consapevolezza e conoscenza del mondo del cinema e del linguaggio audiovisivo.

E’ stato questo l’obiettivo del Cactus LAB, iniziativa all’interno del Progetto Movi-Menti, che in Valle d’Aosta ha permesso, grazie alla guida del regista e direttore artistico del Cactus International Children’s and Youth Film Festival, Alessandro Stevanon, di avvicinarsi al mondo dei cinema in modo originale e coinvolgente.

I ragazzi hanno imparato a guardare in maniera critica un film con particolare riferimento al contenuto, alla tecnica e al linguaggio. Il cinema diventa così, non solo racconto per immagini, ma soprattutto visione collettiva, luogo fisico protetto in cui incontrarsi, conoscersi e ritrovarsi. Il Cactus Lab è un percorso di introduzione al linguaggio cinematografico realizzato dal Cactus International Children’s and Youth Film Festival.

“L’esperienza del Cactus Lab – commenta Alessandro Stevanon – ha permesso ai ragazzi partecipanti, attraverso alla visione critica collettiva di alcuni cortometraggi internazionali pensati e realizzati per un pubblico giovane, di discutere insieme su temi attuali che li vedono protagonisti. Questo laboratorio è stato l’occasione per ascoltarsi ed essere ascoltati, un esercizio condiviso che ha cercato di portare in equilibrio testa, cuore e pancia. Il cinema è stato utilizzato come strumento per stimolare un percorso educativo che tende a orientare comportamenti e atteggiamenti allo scopo di approcciarsi a vivere al meglio e in modo più consapevole le proprie e altrui emozioni”.

Martedì 10 agosto presso la Cittadella dei Giovani ad Aosta si è poi svolta la serata conclusiva del laboratorio cinematografico #CactusLab con la proiezione in anteprima del cortometraggio “L’urna” realizzato interamente dai ragazzi che vi hanno partecipato.

 

 

 

Regioni

Ti potrebbe interessare

Lo stimolo di Olivetti tra i tanti laboratori attivati nel Canavese

di

Sono davvero tante le opportunità che progetti come Movi-Menti, nelle sue diverse declinazioni, permettono di realizzare a vantaggio delle comunità locali. Nelle...

Presentato Movi-Menti, 50 partner e 5 regioni insieme per i bambini e per formare comunità educanti

di

Un progetto che nasce dal basso e dalla stretta collaborazione tra Fondazioni di comunità, cooperative sociali e consorzi di cooperative di riferimento...

Tanti nuovi progetti in Canavese, sfruttando anche l’eredità di Olivetti

di

Il 27 settembre si è tenuta una riunione plenaria di programmazione tra i partner piemontesi del progetto Movi-Menti. Ospitati dai partner della...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK