In Valle d’Aosta iniziative di lotta al ritiro sociale

di

Le Cooperative Noi e gli Altri s.c.s. ed EnAIP Vallée d’Aoste s.c.s. partner del Progetto Movi-Menti, hanno dato avvio ad un’iniziativa finalizzata a portare in Valle d’Aosta un presidio dell’Associazione “Hikikomori Italia Genitori”. Dopo un webinar sul tema del ritiro sociale nel mese di dicembre 2020, molto partecipato e con oltre 140 partecipanti da tutta Italia, per dar seguito all’iniziativa ora informano della possibilità per operatori sociali, insegnanti e/o famiglie di poter segnalare situazioni di ritiro sociale presenti sul territorio valdostano.

L’iniziativa si pone come obiettivo di offrire alle famiglie in difficoltà un sostegno in più, oltre ai servizi già presenti sul territorio (Ser.D e Neuropsichiatria infantile). Tale disponibilità nasce dal fatto che in altre regioni italiane è presente l’Associazione “Hikikomori Italia”, prima Associazione Nazionale di informazione e supporto sul tema dell’isolamento sociale volontario (Hikikomori).

Il progetto, nato nel 2013, ad opera del dott. Marco Crepaldi, psicologo sociale ed esperto di comunicazione digitale, nel giugno 2017 si costituisce ufficialmente come Associazione “Hikikomori Italia Genitori”, aperta a tutti i genitori e parenti di ragazzi con problemi di isolamento sociale che si trovano ad affrontare questa problematica, al fine di ottenere maggiori diritti e servizi, nonché creare una rete nazionale che metta in contatto tutti coloro che ne sono interessati. Peculiarità dell’Associazione è di essere interamente gestita da famiglie che parlano e discutono un problema comune sostenendosi a vicenda.

Pertanto, le referenti delle Cooperative sopra citate si rendono disponibili a raccogliere segnalazioni di eventuali situazioni di disagio legate al fenomeno del “ritiro sociale”, con l’intento di attivare, anche in Valle d’Aosta, l’Associazione “Hikikomori Italia”.

Il fenomeno del ritiro sociale riguarda spesso adolescenti che, a partire da un problema o difficoltà scolare, abbandonano le relazioni amicali e tutti i contatti sociali per rinchiudersi nella loro stanza riducendo al minimo i loro contatti con persone reali per sostituirli spesso con una frenetica attività su internet e social networks. La stanza nella quale si rifugiano come se fosse una tana funge, da un lato, come luogo di protezione rispetto alle esperienze concrete, dall’altro, come campo di sperimentazione per un’infinità di esperienze immaginarie connesse alle inesauribili risorse della rete. Spesso tale fenomeno si lega strettamente alla dispersione scolastica.

Per informazioni e segnalazioni si possono contattare in orario 9 -13 i seguenti recapiti, oppure inviare un messaggio whatsApp e/o e-mail per chi avesse problemi di lavoro, è garantita la privacy:

Lucia Poli – Cooperativa Noi e gli Altri s.c.s.- E-mail: l.poli@noieglialtri.it – tel. 0165/40244

Simona Bertone – Cooperativa EnAIP Vallée d’Aoste s.c.s – E-mail: simonabertone.enaipvda.@gmail.com – Cell. 3478347926

Regioni

Ti potrebbe interessare

A Sapri, in Campania, Movi-Menti si presenta al territorio

di

Venerdì 5 aprile alle ore 16.30, nei locali del Comune di Sapri, la conferenza stampa di presentazione del progetto multiregionale “Movi-Menti: menti,...

Con Movi-Menti in Sicilia si chiude un autunno ricco di stimoli e attività

di

Le cinque regioni coinvolte nel progetto Movi-Menti stanno tirando in queste settimane le fila del primo anno di attività. Ogni territorio si...

Estiva-Mente nel Canavese ha aperto le porte a 443 bambini e ragazzi

di

Il progetto Movi-Menti, coordinato a livello locale da Consorzio Copernico e finanziato dal fondo nazionale di contrasto alla povertà educativa minorile gestito...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK