Robotica, coding e cyberbullismo, la formazione utile al pensiero computazionale

di

In Valle d’Aosta sono oltre 20, tra educatori e figure professionali che lavorano nell’ambito dei servizi sociali, i partecipanti al corso di formazione in “Robotica, Coding e Cyberbullismo” inserito all’interno della attività del progetto MOVI-MENTI.

L’iniziativa, curata da ENAIP VdA, con il coordinamento della cooperativa NOI&GLIALTRI, prevede 6 incontri della durata di 2 ore. I partecipanti saranno formati alla robotica, al coding e al cyberbullismo attraverso laboratori e attività gestite da Cristina Darienzo, ingegnere delle telecomunicazioni e programmatrice.

Il primo incontro, svoltosi presso i locali del CSV ad Aosta, lunedì 18 novembre, ha approfondito la robotica educativa attraverso un laboratorio pratico e il passaggio delle principali tecniche che saranno poi utili ai partecipanti nel loro lavoro quotidiano a contatto con i ragazzi. Si passerà poi alla creazione di laboratori di tecnologia con materiale povero, alle basi di programmazione con Scatch (un linguaggio di programmazione gratuito specificamente progettato per ragazzi dagli 8 ai 16 anni ideato con l’obiettivo di insegnare a pensare in modo creativo, a lavorare in collaborazione e a ragionare in modo sistemico). Il percorso di formazione si chiuderà con un progetto di storytelling sul cyberbullismo.

L’obiettivo del corso di formazione è avvicinare figure professionali, che lavorano con i ragazzi, all’utilizzo della robotica educativa, disciplina che facilita l’apprendimento delle materie STEM (Scienze, Tecnologia, Ingegneria, Matematica), che aiuta a sviluppare il pensiero critico e un nuovo approccio al mondo di oggi, stimolando la logica e lo sviluppo del pensiero computazionale, cioè di un metodo per affrontare le situazioni.

Spesso si dice, infatti, che i cosiddetti “nativi digitali” sono bravissimi con le nuove tecnologie. E’ un assunto fuorviante: nella maggior parte dei casi, di fronte a un computer o a un tablet i nativi digitali hanno un approccio puramente passivo. Quando però questi bambini si avvicinano al coding (programmazione) diventano soggetti attivi della tecnologia e maturano una vera presa di coscienza sul mondo che li circonda e sui dispositivi che usano ogni giorno. L’attività svolta aiuta quindi a lavorare sul pensiero computazionale, che oggi significa sviluppare una forma mentis che un domani sarà utile non solo a ingegneri e programmatori, ma anche a medici, avvocati, statisti, dirigenti di azienda, architetti, funzionari di amministrazioni, che ogni giorno devono affrontare problemi complessi.

Per Info: Cooperativa Noi&glialtri – Giuliana Ferrero – Cell. 348 2550432

Ti potrebbe interessare

A Modica Movi-Menti coinvolgerà 900 bambini

di

Il contrasto della povertà educativa minorile con interventi finalizzati a rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la...

#iorestoacasa – Il sostegno di Movi-menti a famiglie, docenti e alunni in Valle d’Aosta

di

Il progetto MOVI-MENTI in Valle d’Aosta non si ferma nonostante l’emergenza sanitaria COVID19 e, per sostenere in questo difficile momento famiglie, corpo...

Le esperienze del laboratorio di Philosophy for Children il Liguria

di

Il Consorzio Tassano Servizi Territoriali è capofila in Liguria del Progetto Movi-Menti e opera all’interno delle scuole e nei servizi destinati ai...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK