Percorsi con i bambini

Laboratori, museo e marionette: ecco l’arte alla “Città dei Bambini” di Misilmeri

di

Laboratori, una visita guidata a un prestigioso museo e persino una rappresentazione di marionette. E un unico comun denominatore: l’arte. Ecco alcune delle iniziative che si sono finora svolte nell’ambito del progetto “La città dei Bambini”.

Anzitutto, tre laboratori gratuiti e pomeridiani. In quello “Vivere a colori” i bambini hanno “esplorato” diversi materiali, utilizzando tutti i sensi, sperimentando tecniche, confrontando, condividendo, esercitandosi e osservando. Un piccolo “viaggio” nel mondo dell’arte, con l’uso di differenti tecniche e materiali.

Il percorso si è articolato in dieci incontri da un’ora, a cura dell’associazione culturale “Archè” presso il Polo educativo per l’Infanzia “La città dei bambini” (chiasso Dante Alighieri, n. 10) a Misilmeri. L’iniziativa è stata destinata ai bambini da 4 a 5 anni.

Molto successo ha avuto anche il Laboratorio “Musica e scuola”, sempre dieci incontri da un’ora presso “La città dei bambini”, a cura stavolta di Daniele Lo Dico.

Destinatari i bimbi da 3 a 6 anni, partendo dal presupposto che l’educazione al suono permette di avvicinarli a una conoscenza consapevole del mondo sonoro che li circonda e questo linguaggio non verbale ha sempre avuto grande importanza nello sviluppo cognitivo, favorendo l’acquisizione di specifiche competenze.

Infine, il terzo laboratorio è stato quello “Con un foglio di carta…”, un progetto di animazione ludica ed espressiva con il riuso della carta e di materiale da cestinare che diviene quindi risorsa. Nel corso dell’iniziativa, a cura dell’associazione culturale Archè, sono state proposte differenti tecniche. Il percorso si è articolato in dieci incontri da un’ora presso “La città dei bambini” ed è stato destinato ai bimbi da 3 a 6 anni.

Sempre all’interno del Polo educativo per l’Infanzia di Misilmeri è andata in scena una piccola rappresentazione del teatro dei Pupi, grazie alla disponibilità del maestro Franco Cuticchio, la cui famiglia preserva da generazioni una tra le più importanti tradizioni artistiche siciliane.

I bambini hanno avuto modo di conoscere i pupi e partendo da questa esperienza è stato loro proposto un breve percorso laboratoriale sul tema “i pupi siciliani”. Alla fine c’è stata l’esposizione dei prodotti realizzati, durante l’evento “I Pupi Siciliani tra tradizione e sperimentazione: dalla storia al fashion design” organizzato da Dada Design.

Non è mancata una “trasferta”, cioè una visita guidata alla Galleria d’arte Moderna “Sant’Anna” di Palermo. Insieme ai loro genitori e ai responsabili del progetto, i bambini della scuola dell’infanzia hanno avuto modo di visitare il museo, conoscere dipinti e statue e impegnarsi in un’attività laboratoriale.

Tutte iniziative appunto all’insegna dell’arte, sotto la supervisione di Francesco Albano (responsabile del progetto “La città dei Bambini”), Gaspare Carandino (presidente di Libera…mente, capofila del progetto) e Genì Fontana (direttrice del polo educativo la “Città dei Bambini di Misilmeri”). E non finisce qui: a febbraio, infatti, partiranno nuovi laboratori.

Il progetto “La città dei Bambini” è stato selezionato dalla Fondazione Impresa sociale “Con i bambini” nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. Realizzato nell’omonimo Polo educativo per l’Infanzia di Misilmeri, ha come capofila la cooperativa sociale “Libera…mente” e vede coinvolti tra i vari partner anche il Comune di Misilmeri e la Direzione didattica statale “Salvatore Traina”.

Regioni

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK