Ognuno di noi è un pezzo della casa: laboratorio sull’inclusività a Rio Marina

di

Laboratori sull'inclusività a Rio Marina

Tra novembre e dicembre 2021 presso l’Ostello di Rio Marina, grazie al progetto “L’Isola che c’è”
si è svolto un ciclo di incontri dedicati ai bambini frequentanti la scuola primaria di primo grado.
Gli appuntamenti, a cadenza settimanale, hanno avuto l’obiettivo di suscitare riflessioni e sperimentazioni riguardanti le dinamiche di gruppo e le regole che si diramano durante esperienze
di vita collettiva.

Leggi di più...

Come possiamo star bene insieme nonostante le differenze che contraddistinguono ognuno di noi? Come possiamo apportare ricchezza con le nostre individualità all’interno di un gruppo?

Queste sono solo alcune delle domande, che attraverso i laboratori, basati su esperienze ludiche e creative, ci siamo posti e alle quali abbiamo cercato di fornire risposte.
Per raggiungere i nostri obiettivi, abbiamo utilizzato il gioco, una metodologia estremamente utile per acquisire competenze, soprattutto con la fascia d’età alla quale si sono rivolti gli incontri.

Giocare è un’esperienza gradevole e di facile comprensione, spontanea e universale, ma anch’essa basata su regole, perché possa risultare appagante e funzionale.
Ogni gioco ha dunque le sue norme che, se pur semplici, sono fondamentali.
Le regole, sperimentate attraverso attività ludiche, hanno assunto un significato che non si rifà più a qualcosa di percepito come limitante e/o frustrante, bensì come a qualcosa di necessario e positivo per rendere le occasioni di condivisione gradevoli e portatrici di ricchezza.

Oltre ai giochi, non competitivi, ma collaborativi, in ogni incontro è stata proposta un’attività creativa di gruppo (ideazione di cartelloni, collage, disegni) con l’obiettivo di dare vita ad un’esperienza che mettesse in risalto le individualità di ogni singolo bambino all’interno del gruppo.
L’opera risultante finale assumeva infatti senso solo se corale.

I bambini hanno accolto con entusiasmo le proposte e le osservazioni emerse riportano interessanti spunti anche per eventuali futuri incontri: in generale non è risultato sempre semplice lavorare in gruppo e accogliere le regole e le indicazioni fornite, ma l’esito finale, sia dei giochi che delle attività creative ha fatto emergere quanto l’apporto di ognuno al gruppo fosse fondamentale per il buon esito delle attività e ha motivato i bambini all’ascolto e al rispetto delle norme richieste.

Dott.ssa Eleonora Mazzarri
Psicologa
Associazione Inperformat

Regioni

Ti potrebbe interessare

Una classe in cui nessuno si sente escluso: all’Elba un webinar sull’identità di genere

di

Orientamenti affettivi e sessuali, identità di genere ed espressione di sé: strumenti di conoscenza, ma anche strumenti operativi. È questo il tema...

Elba: lo spazio di comunità di Rio Marina ha ripreso le attività educative

di

Proprio oggi lo spazio di comunità di Rio Marina ha riaperto le attività educative pomeridiane.

Elba: la Natura come risorsa educativa, trekking alla Madonna del Monte

di

All’Elba nel frattempo è arrivato l’autunno! Finiti i campi solari, sono iniziate le interlocuzioni con i comuni partner del progetto per la...