Avamposti di pedagogia – La Cooperativa Mignanego a Genova.

di

Avamposti di pedagogia. La Cooperativa Mignanego – Vico Rosa racconta il suo metodo.

 

Con Avamposti di pedagogia, vogliamo approfondire il tema della pedagogia per il contrasto alla povertà educativa attraverso lo sguardo ed i vissuti delle realtà partner di Ip Ip Urrà.

IP IP URRA’ metodologie e strategie informali per mettere l’Infanzia, Prima è un progetto nazionale selezionato da Con i bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile.

Un osservatorio pedagogico nazionale

Ip Ip Urrà, è una comunità di pratiche per l’infanzia, ma anche un osservatorio pedagogico nazionale. Il progetto, che riunisce 10 città italiane, è attualmente fulcro di riflessioni per una nuova scuola, nonché spazio di riflessione e proposta per un modo nuovo di concepire il welfare.

 

In questo articolo vogliamo approfondire visioni e pratiche della Cooperativa Sociale Mignanego di Genova, realtà fondatrice dell’asilo nido “Vico Rosa”, tra i vicoli della città ligure.

Mignanego vico rosa

 

Un Metodo Pedagogico “eclettico”

La cooperativa sociale Mignanego – Vico Rosa si ispira nel suo agire quotidiano nell’ambito dell’infanzia in parte al metodo Montessori, al metodo di Reggio Children, al pensiero di Bruno Munari. Ma anche ai principi della teoria psicoanalitica con particolare attenzione alla teoria dell’attaccamento.

Queste fonti, unite all’esperienza sul campo e al pensiero elaborato dell’équipe del nido Vico Rosa, consentono alla cooperativa di mettere in pratica un metodo pedagogico eclettico, innovativo e in continuo aggiornamento che viene monitorato e revisionato annualmente.

Il principio base è quello dell’ “insegnami a fare da solo” montessoriano per consentire alle bambine e ai bambini di raggiungere la propria autonomia.

Lo spazio, molto accogliente, è stato pensato per questo. Vi è infatti anche un percorso sensoriale per stimolare alla conoscenza attraverso lo sviluppo dei 5 sensi.

 

Reggio Children

Reggio Children è un centro internazionale per la difesa e la promozione dei diritti e delle potenzialità dei bambini e delle bambine. Nasce per valorizzare e rafforzare l’esperienza delle scuole e dei nidi d’infanzia comunali di Reggio Emilia, conosciuta in Italia e nel mondo come Reggio Emilia Approach®.

La cooperativa Mignanego è in rete con i nidi dell’infanzia di Reggio Emilia, pionieri dell’educazione della prima infanzia, che promuovono un modello virtuoso rispetto agli asili ordinari.

 

Un Nido Partecipato

Su questa scia, il Vico Rosa si configura come un nido partecipato, dove la cura che le educatrici e la coordinatrice pedagogica mettono nel seguire i bambini, è rivolta anche nella relazione con la famiglia.

La famiglia non è fuori, ma è dentro al nido.

Partecipa alle riunioni, all’organizzazione delle attività di comunità e partecipa iniziative di rete. Il Vico Rosa è un nido aperto al territorio. Un territorio complesso del centro storico dove vi sono situazioni di forte precarietà.

 

Una scuola: una comunità

La comunità del Vico Rosa non è barricata tra le pareti della scuola. Ma attraversa le piazze, le vive come spazio educativo e di socialità.

I bambini e le bambine, con le educatrici, spesso escono fanno il giro del centro storico. Nel lockdown fu molto emblematico vedere la città deserta, e le piazze abitate dai bambini liberi che correvano per riprendersi gioiosamente le strade.

 

La Fiducia

Punto chiave della pedagogia del Vico Rosa è la fiducia.

Affinché l’intervento educativo dei genitori si sintonizzi con quello del Vico Rosa, l’équipe investe molto sul dialogo e sulla relazione con i genitori.

I genitori, coinvolti nella vita di comunità promossa dall’asilo e nelle riflessioni sulla crescita dei piccoli, tendono così a fidarsi e ad affidarsi alle educatrici le quali, diventano così anche educatrici dei genitori stessi.

Il rapporto continua anche quando i bambini e le bambine, crescendo, passano alla scuola dell’infanzia. Il confronto continua anche in questo passaggio tanto delicato per ragionare su dinamiche ed affrontare eventuali difficoltà.

 

Una scuola multiculturale e l’importanza della mediatrice interculturale

L’utenza del Vico Rosa è multiculturale.

Molte mamme arrivano da progetti Sprar. Infatti nell’équipe pedagogica del Vico Rosa c’è anche una mediatrice interculturale. Presenza molto importante perché aiuta ad affrontare delle questioni educative connesse alle differenze culturali.

vico rosa scuola

Una mediatrice culturale aiuta a leggere delle dinamiche che possono essere legate alla cultura, interpreta sensazioni e vissuti e che difficilmente possono essere espressi con le parole da bambini così piccoli.

Per esempio molti bambini figli di migranti sono abituati a stare spesso in braccio, riuscire a capire che il disagio che sta esprimendo un bambino, in un determinato momento, è legato alla mancanza dello stare in braccio, può essere molto importante.

Il libro come strumento pedagogico

Cosa non deve mai mancare nella cassetta degli attrezzi pedagogici del Vico Rosa e della Cooperativa Mignanego?

Sicuramente un albo illustrato!

albo illustrato pedagogia vico rosa

L’albo illustrato è protagonista nella pedagogia del Vico Rosa.

Si tratta di un libro con illustrazioni, chiamato anche picturebook. O meglio, una produzione editoriale in cui le immagini e le parole si fondono poeticamente per esprimere il racconto con immagini ben illustrare ed un testo sintetico, ma denso di significato.

Per la Cooperativa Mignanego, Il libro è uno strumento pedagogico fondamentale. La cooperativa ha infatti una biblioteca, presidio Nati per Leggere, con circa 700 albi illustrati, curata da una bibliotecaria con competenze specifiche.

La biblioteca è aperta al quartiere, e propone mensilmente delle letture, una per bambini da 0 a 3 anni ed una per i più grandi.

Il monitoraggio e la supervisione nel metodo pedagogico del Vico Rosa

  • Documentazione del lavoro svolto,
  • supervisione,
  • riunioni di èquipe,
  • formazione continua,

sono questi momenti importantissimi per la pedagogia della Cooperativa Mignanego.

Monitorare costantemente le azioni, discutere su pratiche, dinamiche ed interventi fa si che il lavoro al Vico Rosa sia di grande cura e quindi di qualità.

Le azioni di Ip Ip Urrà

Di seguito alcune delle azioni che sinora ha condotto la Cooperativa Mignanego per il progetto Ip Ip Urrà.

vico rosa pedagogia Mignanego

Nido integrativo per situazioni fragili. Il nido offre 4 pomeriggi gratuiti ai bambini e alle bambine di donne provenienti da comunità Sprar. Donne che lavorano tanto e spesso anche informalmente. Poter lasciare i figli in uno spazio protetto per quattro pomeriggi, gratuitamente, è per loro un grande aiuto.

Fuori gioco. Nello spazio biblioteca la cooperativa organizza attività di scambio di libri per tutti e tutte. Nei parchi, attività di outdoor education, ma anche incontri di counseling al SERT prevalentemente con i papà.

 

Cultura del Sospeso. Tutti i martedì da aprile ci si incontra nello spazio della Cultura del Sospeso dove si fanno laboratori che coinvolgono sia genitori, sia bambini e bambine. Si tratta di attività di neuropsichiatria infantile. Insieme alle neuropsichiatre si interviene su tematiche specifiche. Per esempio, in questo momento la cooperativa sta affrontando molto la problematica della difficoltà di linguaggio.

Ancora nell’ambito di cultura del sospeso in accordo con l’associazione delle librerie indipendenti di Genova, con realtà teatrali ed altri spazi del territorio si propongono esperienze, uscite, spettacoli, ecc.

 

La Cooperativa Mignanego è costantemente impegnata a diffondere un nuovo modo di fare scuola dove il senso della comunità è centrale, perché, come recita un noto proverbio africano: “Per educare un bambino ci vuole un intero villaggio”.

Scopri di più sul nostro progetto.

Regioni

Argomenti

Ti potrebbe interessare

CULTURA DEL SOSPESO

di

Cultura del Sospeso: 26 LIBRERIE HANNO ADERITO ALLA RETE NAZIONALE L’INIZIATIVA DEL PROGETTO IP IP URRÀ – INFANZIA PRIMA Librerie, cartolerie, case...

Cartoline dallo stivale

di

Inizia la corrispondenza con Cartoline dallo Stivale. Oggi prende forma l’azione “Cartoline dallo Stivale” nell’ambito di Ip Ip Urrà. Un progetto, selezionato...

GIORNATA MONDIALE DEL GIOCO, 28 MAGGIO: LA RETE IP IP URRÀ METTE AL CENTRO L’INFANZIA IN 10 CITTÀ

di

La Giornata Mondiale del Gioco in tutta Italia   La rete Ip Ip Urrà – Infanzia prima torna a mobilitarsi in occasione...