Strada con-testo educante. Lo storytelling come strumento educativo e ludico nell’educativa di strada

di

Per raccontare l’azione educativa realizzata in strada, durante il progetto “InterAction, dalla Cooperativa Sociale Argonauti, immaginiamo di metterci in cammino. Destinazione quartieri, mappe on line, pronti per l’esplorazione.

Andiamo verso i confini tra la scuola e l’extrascuola; ai confini reali e immaginari degli spazi urbani e dei “non luoghi” abitati dai ragazzi. Proviamo un certo spaesamento, quando ci accorgiamo di sconfinare, pur restando nello stesso spazio.

Per orientarci e non perdere la strada, dobbiamo indossare un paio di occhiali magici. Illuminano anche il più piccolo collegamento esistente tra l’ambiente scolastico e quello urbano. Ogni snodo, ogni ponte, ogni passaggio. Incontriamo la piazza, l’angolo, la via, il marciapiede, il muro, la scalinata. Gli occhiali magici fanno luce lì dove si sono costruiti e si costruiscono legami. Lì dove si sono incrociate e si incrociano le storie e dove ogni esperienza può creare contesti educanti o diversamente educanti.

Restiamo a metà strada dove s’incontrano e si confrontano i mondi e le culture delle differenti generazioni, in un contesto di prossimità.

Un contesto è uno spazio in cui trovarsi in relazione con gli altri; un ambiente di apprendimento nel gruppo a partire dai comportamenti altrui; un luogo denso di significati che nascono dalle interazioni tra le persone e la società. Il contesto è come l’intreccio di un racconto. Immagini e parole sono le illustrazioni ed i testi di un albo illustrato oppure di un filmato con didascalie, sottotitoli e voci fuori campo! 

Raccontare fa parte dell’animazione educativa e promuove esperienze di incontro, di relazione e di dialogo. Si basa anche su strumenti che si evolvono per condividere e rappresentare punti di vista e vissuti.

L’utilizzo delle tecnologie e la diffusione di contenuti multimediali ha aumentato l’utilizzo di forme di storytelling digitale. Anche il nostro “Genio” di Palermo, con un magico salto temporale, si è trasformato in video storytelling! (https://fb.watch/cvWbxX0IS8/ ). Un personaggio stimolo, che ha il ruolo di una guida turistica in un tour animato. Il genio mette in pratica alcune tecniche ludiche e di animazione di strada rivolte ai bambini. E il video rappresenta l’esperienza dei ragazzi nel diventare “guide di tour animati”, al servizio dei più piccoli. Un’ opportunità di partecipazione attiva dei giovani.

Un racconto per far conoscere a tutte e tutti di ogni età, il patrimonio storico, artistico e monumentale della nostra bella città, per promuovere l’inclusione e la cittadinanza attiva.

Regioni

Ti potrebbe interessare

Supporto psicologico ed educazione interculturale

di

Nell’ambito del progetto InterAction, la Cooperativa NO COLORS, considerata la sua vocazione e la presenza di soci provenienti da culture altre, ha dato...

L’importanza di ascoltarsi ed essere ascoltati: la gestione delle emozioni ai tempi del Covid-19

di

La gestione delle emozioni al tempo del Covid-19 è il tema centrale dei laboratori gestiti da People Help the People, nell’ambito del...

Parte la Consulta educativa intergenerazionale di Comunità

di

Il 29 novembre p.v. alle ore 15.30 a Palermo presso il Centro Sociale San Saverio ci sarà il primo incontro della Consulta educativa intergenerazionale...