Madre e due figlie a lezione di Internet con Impatto

di

Tre donne intorno a un computer, per comprendere i segreti di Internet ma anche per capire come orientarsi nella società italiana e come affrontare un trasferimento. È una storia di educazione informatica e di inclusione quella che è accaduta nel Lodigiano grazie al nostro progetto.

La vicenda vede per protagonista Abiha, che ha 13 anni e vive a Lodivecchio. Qualche mese fa, la scuola frequentata dalla ragazzina ci ha segnalato  che un computer e la connessione Internet l’avrebbero aiutata a migliorare il suo rendimento scolastico. I nostri operatori si sono attivati e a casa della famiglia, che è di origine pakistana, sono arrivati un portatile, il router per la connessione e soprattutto un’educatrice, che ha iniziato a spiegare come funzionassero. Il suo compito era di dare una formazione di base alla ragazzina e a sua sorella più grande, che ha 22 anni, ma poi anche la mamma si è unita al gruppo.

Così intorno al computer si sono riunite tre donne di età diverse e di formazione diversa, che hanno potuto trovare nell’accesso a Internet la soluzione a tanti problemi. Abiha lo ha utilizzato per le ricerche e per lo studio e ha imparato ad usare programmi come Canva per costruire mappe concettuali, che l’hanno aiutata e l’aiuteranno. La sorella più grande, invece, ha compreso come gestire una serie di pratiche burocratiche e ha iniziato a fare ricerche e poi domande per seguire dei corsi di formazione che le permetteranno di specializzarsi. Ma la cosa che ha colpito l’educatrice è che le tre donne hanno lavorato fianco a fianco sostenendosi, con la figlia più grande che traduceva per la mamma, quando certi termini risultavano astrusi in italiano.

“Hanno preparato su un quaderno un vademecum per l’uso del computer, messo in evidenza quali sono le cose importanti da fare e attivato anche il fascicolo sanitario per la mamma, che spesso ha problemi a spiegarsi con il medico, visto che parla poco l’italiano” sottolinea l’operatrice che le ha aiutate. Poi Abiha ha voluto scrivere una lettera di ringraziamento. “Il corso è stato molto bello. Ho imparato molte cose che non sapevo usare per la scuola e anche per le ricerche. Mi è piaciuto usare il computer, mia mamma ha imparato tante nuove cose come pagamenti online. Come uso dello Spid e del fascicolo sanitario per non andare tutte le volte e risparmiare tempo. Consigliamo a tutti se possono di fare questi incontri bellissimi e interessanti”.

Regioni

Ti potrebbe interessare

Polo di comunità a Mairano, altri ne arriveranno

di

Un spazio protetto all’interno della Scuola primaria “Unità D’Italia” a Mairano di Casaletto Lodigiano, dove bambini e ragazzi potranno presto fare i...

Il 25 gennaio un incontro con Stefania Crema

di

Se era complicato prima, figuriamoci adesso: tra Dad e quarantene è sempre più complicato anche il ruolo di genitori, educatori e insegnanti....

Arrivano i Poli di comunità! I primi quattro tra pochi giorni

di

Uno a Lodi, due a Codogno e uno alla frazione Lavagna di Comazzo: arrivano i primi Poli di comunità di Im-Patto Digitale,...