Innovazione e relazioni profonde: così la rete di Im-Patto Digitale sostiene i ragazzi

di

I tre punti di forza del progetto Im-Patto Digitale? Li racconta Benedetta Landi, una delle educatrici di Famiglia Nuova, che lavorano nel Lodigiano. Con il suo sorriso disarmante cita l’approccio innovativo, che mette Internet e computer al centro nonostante spesso vengano demonizzati. Secondariamente, a suo parere è fondamentale la rete unica che si è venuta a creare tra operatori di tutto il territorio e che ha permesso loro di conoscersi e iniziare nuove collaborazioni.

Infine, lavorando con noi Benedetta ha riscoperto l’importanza della relazione, che per chi opera nel sociale è basilare. “L’attrezzatura che portiamo nelle case è uno strumento importante, ma occorre prendersi cura della persona che la riceve, capire come la usa, sentirsi pronti a dare suggerimenti”. Continuare a seguirla, come fa Benedetta, che per conto della cooperativa Famiglia Nuova segue cinque giovani del territorio. Gli altri operatori coinvolti lavorano per la Cooperativa Emmanuele e per Il Mosaico: un gruppo di persone motivate, piene di entusiasmo, convinte che questo progetto può davvero fare la differenza.

Regioni

Ti potrebbe interessare

Ai bambini in fuga dall’Ucraina un computer per restare uniti

di

Un computer per i bambini ucraini che sono arrivati nel Lodigiano in fuga dalla guerra. Ad offrirlo siamo noi di Im-Patto Digitale....

Ai nativi digitali serve una lezione Intervista alla psicologa Giulia Spoldi

di

Bambini e ragazzi di oggi vengono definiti nativi digitali, ma spesso non sanno davvero usare in modo consapevole le reti social e...