Laboratori HortiCultura ispirati a “La natura nell’educazione” della Montessori

di

Nel 1909 Maria Montessori pubblicò il libro “Il metodo della pedagogia scientifica applicato nelle Case dei Bambini”, dedicando un intero capitolo a “La natura nell’educazione”, considerandola uno degli elementi più importanti da utilizzare nella realtà scolastica. Maria Montessori aveva intuito, già all’inizio del secolo scorso, il legame speciale che esiste tra infanzia e natura spiegando come essa possiede immense potenzialità educative. Nel 1950 in uno dei suoi scritti più significativi “La scoperta del bambino” ha esteso i benefici dell’educazione in natura fino all’adolescenza scrivendo così i paradigmi su cui ha costruito il percorso di apprendimento del ragazzo Montessori. Il programma di riforma per la scuola secondaria da lei ispirato è conosciuto con il titolo “ The Erdkinder-I fanciulli della terra”.

La Natura da vivere

Leggendo le pagine de “La scoperta del bambino” è chiaro che esiste un evidente contrasto tra la vita naturale e quella dell’uomo civilizzato. La vita voluta dal progresso costringe l’essere umano a delle rinunce rispetto alle sue naturali inclinazioni condizionando lo sviluppo infantile. Maria Montessori era, tra l’altro, anche una neuropsichiatra infantile e dimostrò ampiamente i benefici psicologici, ma anche fisici, legati al benessere che i bambini e gli adolescenti, provavano a contatto con la natura. Il bambino, afferma la Montessori, ha bisogno di vivere naturalmente, di “vivere” la natura e non soltanto di conoscerla, studiandola o ammirandola. Ciò significa che il bambino deve fare esperienza nella natura ma deve farlo vivendola. In tal modo è stato organizzato tutto il progetto di creazione dell’orto che porta il bambino dalla preparazione del terreno alla raccolta dei frutti.

Il mondo è tutto attaccato

Fondamentale è l’alternarsi delle stagioni che pone l’osservatore a registrare i cambiamenti che sotto i suoi occhi si verificano. Ad annotare e registrare i tempi con cui questi cambiamenti avvengono rallentando di conseguenza i ritmi frenetici che scandiscono la nostra quotidianità. Il bambino che vive la natura, comprende presto che “Ogni cosa è strettamente collegata su questo pianeta e ogni particolare diventa interessante per il fatto di essere collegato agli altri. Possiamo paragonare l’insieme ad una tela: ogni particolare è un ricamo, l’insieme forma un tessuto magnifico” (Dall’infanzia all’adolescenza). La vita si mantiene attraverso rapporti di interdipendenza; ogni cosa è intrecciata con le altre e i bambini possono farne esperienza attraverso l’osservazione della vita che si svolge, ad esempio, in un orto.

I laboratori di HortiCultura ispirati dagli strumenti della Montessori

L’ordine degli spazi, la classificazione delle attività, il gioco e la scoperta, gli strumenti specifici indicati dalla Montessori, hanno ispirato i laboratori di HortiCultura: i bambini che vivono molto lontani dalla natura e hanno poche occasioni di entrare in intimo contatto con essa, di avere una diretta esperienza della natura potranno con questo progetto acquisire nuove competenze.

Regioni

Ti potrebbe interessare

Cibo ed emozioni nel Diario Alimentare

di

Potremmo pensare che il cibo serva a nutrire il corpo, ma non è (solo) così. Le emozioni giocano un ruolo molto importante...

Horticultura, da progetto a format didattico

di

Horticultura diventa un format didattico, per percorsi educativi basati sull’ecologia e l’agri-cultura. Sembra essere proprio questa la prospettiva su cui si sta...

Il mestiere di genitore: più semplice con HortiCultura

di

Il “mestiere” di genitore è tra quelli più antichi e delicati. Come antica e delicata è l’HortiCultura. C’è una radice comune profonda...