Insieme per fare….GOALS!

di

Cosa ci facevano insieme 70 persone di ogni età, tra ragazzi, educatori, genitori e nonni, una sera d’estate in un campo da calcio?

Grazie al progetto G.O.A.L.S. e in collaborazione con il gruppo del CalcioSociale di Civitanova Alta (MC) è stato organizzato un torneo di calcio sociale: una nuova tipologia di calcio aperta a tutti e basata su regole del calcio volutamente reinterpretate, dallo straordinario impatto sociale e fuori dalla logica comune.

L’obiettivo del torneo è quello di creare un modello di società più giusto e coeso, trasformando i campi da calcio in palestre di vita dove l’integrazione avviene quando persone di ogni etnia, età, ceto sociale e religione entrano in contatto e condividono del tempo insieme.

Il calciosociale quindi si caratterizza per regole “speciali” che rendono il calcio un’occasione di confronto, crescita e accoglienza. La prima regola del calcio sociale è che, chiunque può giocare, basta che abbia tra i 10 e i 90 anni. La seconda regola è che non ci sono squadre più forti e che potenzialmente tutti possono vincere. Un’altra regola, che rende unico questo torneo, è l’assenza dell’arbitro: questo perché ogni giocatore deve imparare ad essere responsabile delle proprie azioni. Per finire, un’ultima regola fondamentale è che prima e dopo la partita ci si prende tutti per mano, come gesto di fratellanza e accoglienza.

Molte famiglie della nostra comunità hanno accettato il nostro invito e condiviso così un pomeriggio di sport all’insegna del rispetto e della condivisione, in cui il gioco è diventato un vero stile di vita, improntato sui valori come l’accoglienza, l’amicizia, la giustizia, l’amore per sé stessi e per l’altro.

Ma come è stato organizzato il pomeriggio? Il calcio è stata solo una delle tante attività che sono state proposte ai partecipanti e su cui le squadre si sono sfidate. Sono stati proposti infatti anche laboratori e attività differenti come “giochi di pensiero” e attività comunitarie, il cui punteggio incideva sulla classifica finale, con lo scopo di aiutare i ragazzi (e non solo) a sviluppare una coscienza e un senso civico da poter reinvestire nella propria comunità.

G.O.A.L.S. condivide questa visione della vita e di valori e ha voluto proporre questa esperienza ai ragazzi e alle loro famiglie di Macerata e di Civitanova Marche (MC), coinvolgendo in totale quasi 100 famiglie.

La Cooperativa il Faro, ente capofila del progetto, ha a cuore la crescita dei ragazzi e con il progetto G.O.A.L.S. vuole creare una comunità educante sensibile e attenta ai bisogni dei ragazzi, accompagnandoli nel loro percorso di maturazione e alla scoperta dei propri talenti.

“Vince solo chi custodisce”, questo recita lo slogan del calciosociale; e noi crediamo fortemente che vince solo chi custodisce in particolare se stesso, l’altro e le proprie relazioni.

Le due serate sono state, inoltre, due importanti occasioni di condivisione inter e intragenerazionale: vedere i ragazzi adolescenti condividere momenti di gioco e di riflessione con i loro genitori, nonni ed educatori, è stato qualcosa di incredibilmente meraviglioso.

Ci auguriamo di rivivere anche fuori dal progetto G.O.A.L.S. molti altri momenti di condivisione e crescita come questi.

Regioni

Ti potrebbe interessare

Questione di… Metodi

di

Nel mese di Settembre, dopo la pausa estiva, il centro Polifunzionale Giovanile di Porto San Giorgio ha riaperto le porte ai ragazzi...

Chesterton Gala… in diretta streaming!

di

Quest’anno, a causa della pandemia, la scuola libera G.K. Chesterton non ha potuto svolgere, come di consueto, il Chesterton Gala, l’evento più...

Estate in Quartiere a Macerata con il centro estivo 7×7

di

  Arrivati quasi alla fine della quinta settimana di Estate in Quartiere 7×7, centro estivo organizzato con il Comune di Macerata, è...