Atelier materico-digitali a Palermo: l’arte che va oltre gli schermi

di

Nei mesi precedenti, durante la quarantena, gli schermi e gli strumenti tecnologici sono diventati presenze ancora più significative nella quotidianità dei bambini e delle bambine. Inevitabilmente, il legame con i dispositivi sta assumendo ancora oggi nuove forme e nuovi significati.

In che modo l’arte può intercettare l’attuale necessità culturale e pedagogica di costruire relazioni positive e costruttive con il mondo digitale? All’interno del progetto E se diventi farfalla, l’associazione “La piccola Officina” sta realizzando a Palermo gli “atelier materico-digitali”, laboratori che integrano strumenti e materiali eterogenei, ma anche linguaggi e lingue apparentemente lontani fra loro: albi illustrati, colori e pennelli, proiettore, lavagna luminosa, foglie e sabbia, smartphone, torce e candele entrano in dialogo, si trasformano l’un l’altro, producono ambienti che destano meraviglia, costruiscono situazioni di apprendimento cooperativo, stimolano il pensiero divergente e creativo.

In una stanza immersiva, che prima era la mensa e adesso è la ‘stanza degli artisti’, i bambini e le bambine della scuola d’infanzia “Onorato”, plesso dell’Istituto Comprensivo “Lombardo Radice”, in piccolissimi gruppi, scoprono che ciò che hanno in mano assume grandezze, forme e colori diversi se proiettato sul muro, creano costellazioni che riempiono le pareti, si immergono nel mare, attraversano il deserto. Le attività coinvolgeranno circa 80 bambini e bambine, dai 3 ai 5 anni, attraverso cicli di incontri settimanali: la prima sezione, composta da 19 bambini di 5 anni, ha appena concluso il percorso, vissuto con grande entusiasmo e curiosità.

Prima di entrare nella stanza e realizzare l’atelier, una storia proveniente da Paesi vicini e lontani permette di entrare nelle cornici di un mondo narrato e immaginato: la biblioteca gestita dall’associazione, attiva dal 2009 come prima biblioteca plurilingue per l’infanzia della città, diventa itinerante ed entra nelle sezioni, per promuovere la lettura ad alta voce e l’ascolto attivo in chiave interculturale. In seguito, nei panni di artisti in formazione, i piccoli si adoperano negli atelier per realizzare opere d’arte originali.

Le foto di seguito riportate raccontano con le immagini alcuni momenti vissuti con i bambini.

Regioni

Ti potrebbe interessare

Crediamo nei bruchi, sogniamo farfalle…

di

Quattro giorni intensi per discutere e sperimentarsi. I partner delle nove regioni italiane coinvolte nel progetto ‘E se diventi farfalla’ si sono...

“Per bellezza e meraviglia”: un corso di formazione in 10 appuntamenti per insegnanti e famiglie

di

È possibile contrastare la povertà educativa attraverso l’arte? E come affrontare questa sfida in un periodo di forte disagio e di grandi...

Solidarietà e Azione – Azioni di comunità a Mazara del Vallo

di

Festival del Teatro di Paglia Grazie al progetto “E se diventi farfalla”, lo spazio simbolico del Teatro di Paglia rinasce ogni estate...