BOVALINO: “LUNGOMARE LATO SUD”

di

 

Bovalino, provincia di Reggio Calabria. Qui vivono 8800 persone. Ma questo piccolo comune è uno snodo centrale. Lo è soprattutto per i ragazzi dei comuni limitrofi: Bosco Sant’Ippolito, San Luca, Ardore Superiore, Locri. È possibile che questi comuni li abbiate già sentiti nominare: roccaforte della criminalità organizzata. Cuore della ndrangheta. Eppure, per quei giovani che questi paesi li abitano, ci vivono e alcune volte “con-vivono”, c’è anche dell’altro.

Non è un caso che uno dei Poli calabresi della Fondazione Exodus di don Mazzi sia nato proprio qui. E per dare un segno di speranza, ai ragazzi e a tutta la cittadinanza, per ripartire dopo questi mesi difficili, abbia organizzato una serie di iniziative “Lungomare lato sud” per dimostrare che è possibile ripartire dopo le difficoltà, ma sempre rispettando le norme sanitarie dettate dall’emergenza Coronavirus.

Per organizzare il primo appuntamento, che si è tenuto lo scorso 27 giugno, hanno dato il loro contribuito anche 17 ragazzi che fanno parte del Donmilani2: Ragazzi Fuoriserie, progetto selezionato da Con i Bambini. «C’è stata musica, balli, canti», racconta Dominic, l’educatore responsabile del polo. «I ragazzi del progetto», continua «hanno lavorato per rendere possibile la manifestazione e hanno coinvolto i passanti a partecipare alle attività. A fine luglio è prevista la seconda manifestazione».

Intanto i ragazzi del progetto partecipano anche alle attività estive della Fondazione: «Ci incontriamo», spiega Dominic, «dal lunedì al giovedì, sia alla mattina che al pomeriggio. In gruppi di massimo 10 ragazzi e 5 genitori, perché abbiamo deciso di aprire i laboratori anche a loro».

Le attività quotidiane si svolgono in un ex centro commerciale in disuso, uno spazio di 250 mq, riqualificato dall’associazione Entertainment & Events Abc, partner del progetto.
«D’estate con i ragazzi svolgiamo principalmente attività sportive. Prima di cominciare misuriamo la temperatura, ognuno porta il proprio tappetino e asciugamano per azzerare possibili rischi di contagio. Abbiamo deciso di continuare a lavorare “con il corpo” che, soprattutto per i ragazzi, ora ha bisogno di scaricare e lasciarsi andare».

E le attività continuano per tutta l’estate… lungomare lato sud.

 

Redazione

Ti potrebbe interessare

E TU COME STAI?

di

Francesca, educatrice del Polo Exodus di Milano Quarto Oggiaro ci racconta sul sentimento di vulnerabilità, la paura, il senso di incertezza che...

Exodus Cassino, ‘earth ambassador’ nella maratona raccogli-rifiuti

di

Dopo aver accolto l’invito da parte dell’IIS Racchetti Da Vinci di Crema (Cr) a partecipare con un video al loro progetto sull’ambiente...

Se vuoi essere felice

di

Lettera di Diana, studentessa dell’Istituto “Marco Polo-Bonghi”, partner del Polo Exodus di Assisi per il “Donmilani2: Ragazzi Fuoriserie”, progetto selezionato dall’impresa sociale...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK