La didattica in stanza (quale?)

di

“Non so se fanno per me questi due termini: didattica a distanza. Io con i ragazzi non faccio mai didattica, piuttosto condivido un cammino. E soprattutto non lo faccio mai a una vera distanza, forse rimango solo un po’ indietro, per lasciarli liberi di assecondare il loro passo.

Eppure oggi mi tocca: la videochiamata è l’unico modo per raggiungerli e fare con loro i compiti. Controllo l’orario, avevo detto che avrei chiamato alle 16:00. Per non disturbare gli altri mi metto in camera mia, entro e… sorpresa: mi sono dimenticata di rifare il letto!
Non posso davvero avviare la chiamata da qui con tutta la stanza in disordine.

Soluzione: la cucina.
Mi assale il panico, se non sono io a lavare i piatti nessuno se ne occupa: anche la cucina è inagibile.

Mentre l’orologio segna già le 16.05 capisco quello che devo fare: mi avvicino alla libreria del salotto che crea con il muro una piccola conca, mi infilo lì, incrocio le gambe, tolgo le scarpe e digito il numero:
“Ciao, allora come stai oggi?”.

 

Simona, Educatrice Cooperativa Sociale “Gli Aquiloni”, partner Fondazione Exodus di Don Antonio Mazzi – polo di Viterbo – Progetto Donmilani2: Ragazzi Fuoriserie

 

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK