Il soffitto (viola)

di

Quando l’aula diventa una stanza o il “soffitto (viola)” di una cameretta, nei tempi della didattica a distanza da coronavirus

 

Quando con G. sudiamo 7 camice per fare un esercizio che in presenza avremmo fatto in un batter d’occhio, l’unica cosa che vedo è il soffitto di quella stanza.
Sì, perchè G., mentre ci videochiamiamo, lascia il telefono appoggiato sul tavolo mentre lui scrive sul quaderno.

Nel chiacchierare, poi, mi racconta che è stufo e stanco.
– “Di cosa sei stufo G.?” – “Delle video lezioni, sono troppe”. Assieme guardiamo il calendario e ci rendiamo conto che le lezioni coprono circa 3 h in tutta la settimana.
Rispetto a quando si andava a scuola, il quantitativo di lezioni è pressoché nullo. – “Si va bhe, ma qui non ho il banco, sono stanco, non sono a scuola”.

Penso allora che, per quanto non voglia ammetterlo, G. è stanco di stare a casa a fare nulla, a non vedere i suoi amici, i suoi insegnanti… Gli manca la scuola.

E non sarebbe d’accordo con Gino Paoli: “questo soffitto (viola) no non esiste più”, perché non c’è nulla che possa alleggerire il peso di quel soffitto che mi mostra ogni volta.

 

Anna, Educatrice Exodus Verona

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK