Percorsi con i bambini

Comunità educante

Ci sono alcune parole che potrebbero cambiare il destino del nostro Paese, se solo trovassero concreto riscontro. Sono termini di cui non si parla mai abbastanza, che dovrebbero prendere il posto di quelle di uso comune e che rappresentano lo specchio della quotidianità di molti ragazzi. Tre di queste sono particolarmente significative: periferie, povertà educativa e comunità educante.

Comunità educante: è un’intera collettività, famiglia, scuola, istituzioni, società civile. È tutto quello che ruota intorno ai ragazzi, li avvolge e cresce “con” loro e non solo per loro. Si educa insieme a bambini e ragazzi, li culla e li cresce, fornisce a loro una possibilità, pensa a loro non solo come destinatari dei servizi, ma come protagonisti e soggetti attivi delle iniziative programmate e attivate. Una comunità che pone i ragazzi al centro dell’interesse pubblico, indipendentemente dalla loro estrazione sociale, provenienza etnica, religiosa e culturale, dall’orientamento sessuale e dalla appartenenza di genere. Una comunità che educa i propri cittadini, ma che si fa anche educare e cambiare da loro. Contrastare la povertà educativa è il principale strumento per permettere ai tanti ragazzi che vivono in condizioni di disagio, di migliorare la propria vita. Per fare questo è necessario avviare un percorso comune tra le agenzie educative preposte, come la famiglia, la scuola, l’università e le istituzioni locali, le fondazioni e le organizzazioni non profit del territorio, e in generale tutti coloro che di fatto sono Comunità educante.

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK