Chi siamo

Percorsiconibambini.it è il network dei progetti selezionati da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. Il sito è riservato alle organizzazioni promotrici delle iniziative (capofila e partner), che all’interno del blog di progetto possono pubblicare articoli, segnalare aggiornamenti ed eventi sulle attività avviate nei territori. L’obiettivo è quello di “raccontare” e condividere storie, esperienze e buone pratiche di rete, creando attenzione sui processi di cambiamento in atto.

La povertà economica è spesso causata dalla povertà educativa: le due si alimentano reciprocamente e si trasmettono di generazione in generazione. Una alleanza per contrastare questo preoccupante fenomeno è stata messa in campo dalle Fondazioni di origine bancaria e dal Governo che, con apposite agevolazioni fiscali previste nella Legge di stabilità per il 2016, ha voluto incentivare l’ulteriore impegno delle Fondazioni su questo fronte.

Il Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile nasce da un Protocollo di Intesa tra le Fondazioni di origine bancaria rappresentate da Acri, il Forum Nazionale del Terzo Settore e il Governo. Sostiene interventi “finalizzati a rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la piena fruizione dei processi educativi da parte dei minori”. Per attuare i programmi del Fondo, a giugno 2016 è nata l’impresa sociale Con i Bambini, organizzazione senza scopo di lucro interamente partecipata dalla Fondazione CON IL SUD.

Nel triennio 2016-2018 le Fondazioni hanno alimentato il Fondo con circa 360 milioni di euro. La Legge di Bilancio 2019 ha confermato il Fondo per il triennio 2019-2021, mettendo a disposizione 55 milioni di euro annui di credito di imposta a favore delle Fondazioni di origine bancaria che possono usufruirne per il 65% degli importi versati. Si prevede quindi un contributo da parte delle Fondazioni di circa 80 milioni di euro l’anno.

Con i Bambini ha pubblicato ad oggi cinque bandi (Prima Infanzia 0-6 anni, Adolescenza 11-17, Nuove Generazioni 5-14 anni, Un passo avanti e Ricucire i sogni), selezionando complessivamente 355 progetti in tutta Italia, tra cui 17 idee progettuali legate alle iniziative in cofinanziamento e 6 progetti sostenuti tramite l’iniziativa per le aree terremotate. Nella gestione dei bandi, è stato introdotto l’elemento della valutazione di impatto.

I progetti approvati, sostenuti con un contribuito di circa 281 milioni di euro, coinvolgono oltre 480.000 bambini e ragazzi, insieme alle loro famiglie, che vivono in condizione di disagio, interessando direttamente circa 6.600 organizzazioni, tra Terzo settore, scuole, enti pubblici e privati.

Ci sono alcune parole che potrebbero cambiare il destino del nostro Paese, se solo trovassero concreto riscontro. Sono termini di cui non si parla mai abbastanza, che dovrebbero prendere il posto di quelle di uso comune e che rappresentano lo specchio della quotidianità di molti ragazzi. Tre di queste sono particolarmente significative: periferie, povertà educativa e comunità educante.

Noi abbiamo provato a raccontarle a più voci, attraverso le sette tappe della manifestazione nazionale #Conibambini- Tutta un’altra storia e attraversato l’Italia da Nord a Sud per incontrare le comunità educanti dei territori e soprattutto i ragazzi, per ascoltarli e condividere con loro idee e buone pratiche di contrasto alla povertà educativa minorile e offrire opportunità significative ai giovani. Le tappe: Torino (27 novembre 2017), Reggio Emilia (6 dicembre 2017), Milano (29 gennaio 2018), Napoli (20 febbraio 2018), Brindisi (1 marzo 2018), Catania (11 aprile 2018) e infine Roma, presso la Camera dei Deputati (5 ottobre 2018).

Con i Bambini ha promosso anche l’omonimo contest letterario gratuito, che si è concluso lo scorso 30 novembre. Il contest, rivolto ai ragazzi di età compresa tra 14-18 anni, ha voluto indagare i temi legati ai problemi e alle fragilità degli adolescenti di oggi, con particolare attenzione a coloro che vivono in territori disagiati e lo ha fatto attraverso l’uso delle tre parole chiave.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK