“I freschi di zona!” – Si parte

di

Nella splendida giornata di Domenica 24 marzo, con il sole primaverile che risveglia la natura, Borgo Pilonetto ha vissuto il suo primo appuntamento sul tema della Rinascita. Un evento che ha reso tangibile la volontà e il desiderio di rigenerare il proprio quartiere, di costruire legami più forti e di guardare al futuro con speranza.

L’accoglienza è stata straordinaria grazie al set di fotografia partecipata allestito dal Museo Nazionale del Cinema. Una scena intrigante e piena di significato: una ragazza adolescente, immersa tra sacchi di immondizia abbandonati, dà vita a due ali di farfalla con gli stessi rifiuti, simbolo di rinascita e resilienza. Questa provocazione ha catalizzato l’attenzione dei presenti, spingendoli a partecipare con entusiasmo e condivisione alle attività proposte dalla Cooperativa Mirafiori.

Tra gomitoli colorati, giochi e disegni, grandi e piccini si sono uniti nel cercare le parole che evocano il concetto di comunità educante e rinascita. Salute, benessere, sostegno, partecipazione, collaborazione: queste e molte altre parole sono state scritte sui post-it colorati, dando forma e colore alle aspettative e ai propositi per il futuro del quartiere.

Buona la prima? Certamente sì! Eravamo in tanti e ci siamo conosciuti e divertiti. Mi ha fatto molto piacere constatare la presenza di giovani coppie con bambini trasferitesi di recente nel nostro Borgo. Sono loro unitamente ai molti residenti storici i destinatari del nostro progetto. Se riusciremo tutti insieme a costruire una bella Comunità, in futuro saranno i più giovani a beneficiarne, scrive Carlo Currado, Presidente del Pilonetto.

Aggiunge Stefania Melissari della Cooperativa Mirafiori: “Metti insieme un progetto artistico con ali di farfalle, un quartiere in rinascita e tanta voglia di  incontrarsi e il gioco é fatto per sentirsi parte di una comunità in cammino”.

L’evento di lancio del progetto “Coltivare la Comunità” ha visto la partecipazione di Pilonettesi e non, tra attività e installazioni curate dal Museo del Cinema. È stata una giornata intensa e colorata, caratterizzata dalla presenza di persone di tutte le età, elemento centrale del progetto che mira a costruire una comunità intergenerazionale e solidale.

La giornata di domenica ha segnato l’inizio di un viaggio verso un Borgo Pilonetto più unito, attivo e consapevole del proprio potenziale. Un progetto che porta avanti il messaggio di rinascita e speranza, coinvolgendo tutti i suoi abitanti nella costruzione di un futuro migliore.




Regioni

Ti potrebbe interessare

Le radici di “Coltivare la Comunità”

di

Il progetto “Coltivare la Comunità” parte dall’esperienza pluriennale di “Un Ponte tra Ospedale e Territorio,” che ha preso avvio nel 2009. Nel...

Coltivare la comunità come fiore che sboccia: il logo

di

“Abbiamo pensato al senso di comunità come i petali di un fiore, uniti nell’obiettivo di crescita comune”, queste alcune delle parole del...

La ricchezza e le sfide della collaborazione

di

Il progetto “Coltivare la Comunità” attua la collaborazione tra enti pubblici, del privato sociale e interlocutori informali attraverso una collaborazione multi-professionale e...