Imparare con le emozioni: a Napoli, il teatro fa scuola

di

Teatro Scuola Vedere Fare. Un mese, 9 istituti scolastici, 41 spettacoli, 55 classi, 139 docenti e 1145 studenti. Sono questi i numeri significativi della quarta edizione del progetto diretto da Morena Pauro de Le Nuvole/Casa del Contemporaneo. Numeri importanti per il laboratorio che si è concluso con il Festival “Maggio all’Infanzia/Napoli”. La fine di un percorso dove i bambini hanno portato in scena uno spettacolo teatrale preparato da loro nel corso di tutto l’anno scolastico. Un impegno a 360 gradi: dalla stesura del testo fino alla messa in scena sul palcoscenico. Nel corso dei mesi, i ragazzi, hanno visto almeno tre spettacoli di compagnie professioniste diventando così “spettatori teatrali”. In parallelo, a scuola, sono partiti i laboratori sul “fare”.

E’ iniziata così un’integrazione tra l’esperienza scolastica e il modello creativo del teatro. Il punto fondamentale di “Teatro Scuola Vedere Fare” è il lavoro di squadra, in cui insegnanti, operatori teatrali e mediatori culturali, hanno messo a servizio dei ragazzi le proprie competenze per favorire un percorso di educazione alla consapevolezza di sé, alla relazione con gli altri e all’interazione creativa di gruppo. Sul palco, volutamente, pochi elementi scenografici, per lasciare lo spazio e l’attenzione ai ragazzi. Le scuole hanno raccontato il proprio percorso ed incontrato le anche le altre scuole coinvolte, realizzando un confronto sul vedere e fare il teatro: riflessioni teoriche, formazione individuale per docenti e ragazzi, espressione di pensieri ed emozioni.

L’idea di fondo è quella di utilizzare il teatro come perno nell’approccio educativo dei giovanissimi e cioè puntare sulla dimensione dell’arte, fondamentale in ambito didattico. La scuola non più vista solo come luogo per imparare, ma anche luogo di partecipazione. I ragazzi che hanno partecipato al progetto hanno avuto l’opportunità di comprendere i meccanismi della comunicazione teatrale. Attraverso una didattica del confronto si è utilizzato il teatro come laboratorio. Una ricerca continua per poter crescere, attraverso metodi trasversali, come individui consapevoli.

“Teatro Scuola Vedere Fare” è essenzialmente un progetto di condivisione: confronto e dialogo tra due domini, che insieme mirano ad avvicinare le nuove generazioni ai linguaggi artistici ed espressivi come forma di conoscenza e relazione con gli altri e il mondo. “E’ un progetto pedagogico inclusivo intorno al teatro, alla scuola e alle nuove generazioni con l’obiettivo di scoprire nuovi modi di fare scuola e teatro – spiega Morena Pauro – cioè assicurare a tutti il proprio spazio, ma che insegni anche a superare i propri limiti, anche quelli potenziali, per una scuola e un teatro accessibili a tutti, per tutti e con tutti”.

 

 

 

 

Regioni

Ti potrebbe interessare

Critica d’arte: un gioco da ragazzi

di

Critica d’arte un gioco da ragazzi. I bimbi di Arteteca alla scoperta della storia del Pio Monte della Misericordia. I bambini della...

Violenza di genere: l’antidoto è la gentilezza

di

Violenza di genere: l’antidoto è la gentilezza. Esistono tanti modi per sensibilizzare le persone, e soprattutto i bambini su temi così delicati....

Il mondo dei bambini visto dalla finestra

di

I bambini di Arteteca raccontano il loro mondo, visto dalla finestra in tempo di Covid-19. Le ludoteche del Pio Monte della Misericordia...