Come e perché nasce Affido Culturale? Lo racconta Ivan Esposito , responsabile di AC

di

Nei convegni sulla povertà educativa, sentivo ripetere: i bambini non vanno a teatro, né al museo, al cinema o in libreria. E allora portiamoceli, pensai. Ma la soluzione forse non era poi così semplice come sembrava a me.

 

Chi può accompagnarceli? Era questo il primo punto da risolvere.

 

Il secondo era verificare se la pompa bianca, all’entrata di Paestum, fosse ancora conveniente come ricordavo. E mentre mi perdevo tra le stradine intorno all’Heraion, mi venne in mente la prima volta che ero stato lì. Quindici anni prima.

 

Avevo una fidanzata, allora. Lei era un’operatrice sociale. Ma le due cose non necessariamente andavano messe in relazione. Si occupava di affido familiare. E mi aveva spiegato che, con l’affido, i bambini stavano meglio e si spendeva meno.

 

Ecco chi poteva accompagnarli i bambini in giro per spazi culturali: i genitori che ci vanno già, coi loro figli. Dal 2002, al Teatro Le Nuvole ne avevo incontrati migliaia. Ci avevo parlato, conoscevo i loro sguardi: non avrebbero rifiutato questo engagement. Infondo, non dovevano fare altro che portare con loro anche un bambino di un’altra famiglia, che esperienze culturali non ne fa.

 

Ma sei pazzo? Chi se la prende la responsabilità di un altro bambino? E poi i suoi genitori ci rimarranno male, si sentiranno esclusi. L’obiezione era più che ragionevole. Ma quando fai questo mestiere, e sei del segno della Vergine, ti costa una fatica immensa reimpostare un progetto, anche se ancora non l’hai scritto. Vada per il coinvolgimento della famiglia d’origine.

Sulla strada del ritorno, una dopo l’altra, sfilavano le fattorie dove mia figlia adora accarezzare le bufale. Volendo aggiungere le pecore e gli asini, il numero di luoghi dove portare i bambini “affidati” cresceva sensibilmente.

 

E poi: musei di arte e di scienza, siti archeologici, film, spettacoli, concerti. Come tieni il conto di tutto questo andirivieni a cui stai pensando? Con una app. Sarà banale di questi tempi, ma una app ci sta tutta per Affido Culturale.

 

Ivan Esposito, responsabile progetto AC

 

 

Affido Culturale è un progetto nazionale finanziato da Con i bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto alla povertà educativa minorile.

Ti potrebbe interessare

Boom da tutta Italia per Affido Culturale: oltre 100 soggetti privati del Terzo Settore e circa 50 enti istituzionali hanno aderito al webinar

di

Mai stati più vicini. Da tutta Italia. E per uno scopo unico: sostenere i bambini che non hanno possibilità di accedere alla...

All’aria aperta con Terra Felix a Casale di Teverolaccio per Affido Culturale

di

La promozione umana e l’integrazione sociale sono alcuni dei principi in cui crede Affido Culturale, progetto nazionale selezionato da Con i Bambini...

Il Giardino Incartato con Affido Culturale: libri, giochi, laboratori e…

di

Leggere, guardare, ascoltare, giocare perché “i libri per bambini non parlano solo ai bambini”. Il Giardino Incartato aderisce alla rete di Affido...