Giornata internazionale della lingua madre. I Villaggi: piccoli mondi multiculturali

di

Il 21 febbraio si festeggia nel mondo la GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA LINGUA MADRE, istituita dall’UNESCO per valorizzare le diverse lingue d’origine, la diversità culturale e rafforzare l’inclusione attraverso il multilinguismo primariamente in ambito educativo.
Lo sapevate che più della metà della popolazione del nostro pianeta conosce e parla almeno due lingue?
I Villaggi per Crescere sono piccoli mondi multiculturali come il mondo in cui viviamo. 
Nei nostri Villaggi riconosciamo e valorizziamo l’importanza della lingua madre delle famiglie che accogliamo.
Sapere più lingue non significa perdere qualcosa; anzi è l’esatto contrario.
Il bi/multilinguismo è un dono e una risorsa: permette di comunicare con persone di lingue e culture diverse, avere una mente flessibile, una maggiore creatività comunicativa, una percezione del mondo più ampia e di poter integrare nuovi concetti. 
Inoltre, apporta vantaggi cognitivi, culturali, socio-relazionali allo sviluppo del bambino, rafforza le capacità di attenzione, di riflessione e concentrazione e aumenta l’autostima.
Gli aspetti positivi del bilinguismo riguardano anche dialetti e lingue locali.
La lingua madre è essenziale nella formazione della persona, perché è la lingua delle emozioni, delle narrazioni e dei ricordi.
Parlare la lingua dei propri avi aiuta a mantenere vivo il legame con le proprie radici storiche e familiari.
È importante che si parli ai propri bambini nella lingua in cui ci si sente più a proprio agio e con la quale si sente di poter creare un legame affettivo maggiore. Per dare ai bambini l’opportunità di crescere parlando la lingua madre si possono avere alcune accortezze:
– parlare con loro nominando le azioni e gli oggetti con cui interagiscono
– giocare con loro offrendo termini nuovi: ad esempio nominando tutti gli animali della fattoria
– incoraggiarli nei progressi
– favorire un apprendimento naturale e piacevole, non imposto
– favorire un approccio pratico che renda l’apprendimento di una lingua più concreto e chiaro: insegnandoli le filastrocche e le canzoni, leggendo insieme delle storie usando gesti e mimando le azioni

Ti potrebbe interessare

Un Villaggio, una città. Cefalù

di

Cefalù è uno straordinario borgo siciliano che accoglie il mare, un borgo ricco di storia e di cultura. Vista dall’alto ha le...

Buone pratiche al Villaggio: a Macerata il diario delle famiglie!

di

“Siamo andati in mille posti nuovi… c’erano tanti fili e gomitoli là fuori. Era un universo nuovo fatto di allegri nodi e...

Che musica! Genitori protagonisti al Villaggio di Trieste

di

Nelle ultime due settimane gli spazi del Villaggio per Crescere di Trieste sono stati pervasi dalla musica. E la cosa più bella...