Si parla di disturbi alimentari

di

Il 15 marzo scorso era la “Giornata nazionale del  Fiocchetto Lilla dedicata ai disturbi dei comportamenti alimentari”.

Queste patologie, in particolare l’anoressia, la bulimia nervosa, ed il disturbo da  alimentazione incontrollata “ Binge Eating”( nutrirsi in modo nervoso compulsivo), sono un problema di sanità pubblica ed oggetto di attenzione sociale per la loro crescente diffusione.

L’esordio è sempre più precoce fra i giovani con casi in bambini di 8-9 anni: ad esserne colpita è soprattutto la popolazione femminile con un rapporto di 9 ad 1 anche se il numero dei maschi è in costante aumento soprattutto nell’età pre ed adolescenziale.

Durante il laboratorio di  teatro sociale venerdì scorso a Villa Ronco lo psicologo Carlo Napoletano ha condiviso questo tema delicatissimo con ragazze e ragazzi iscritti al corso.

Sono patologie che incidono in toto sulla vita di tutti i giorni, molto complesse e legate sia al comportamento alimentare in sé ma anche alla preoccupazione- ansia per la propria immagine corporea, in relazione soprattutto al peso.

E’ difficile se non impossibile guarirne del tutto: la grande conquista è conviverci.

Gli argomenti legati ai disturbi dei comportamenti alimentari sono  da trattare con “  i guanti” e professionalità perché una parola detta, in più o meno ai ragazzi, può creare ulteriori problemi.

Bisogna imparare ad amarsi, a frenare prima che “ arrivi il burrone”, a chiedere aiuto affidandosi a  persone competenti come psichiatri e  psicologi evitando  cure “ fai da te”, mettendosi in discussione e “ volendo stare meglio.”

Gli ultimi dati del Ministero della Salute rilevano un incremento dei casi di circa il 40% e, contemporaneamente, una grande difficoltà di accesso alle cure che comporta  gravi conseguenze sulla prognosi.

In Italia ne soffre una persona su tre, chiaramente con diversi livelli di gravità.

Nella Giornata del Fiocchetto Lilla 2023 è stato diffuso il censimento delle strutture sparse sul territorio nazionale: sono solo 126, di cui 112 pubbliche, cioè appartenenti al SSN.

In Liguria sono 6, 4 in provincia di Genova, 1 in provincia di Imperia e Savona, nessuna alla Spezia.                              :

 

 

 

.

 

Regioni

Ti potrebbe interessare

” Camerieri” per il mare

di

Sabato 24 giugno dalle ore 10.00 alle 13.00, presso il Galata Museo del Mare, alcuni ragazzi del progetto “ Genova- Un ponte...

“Momenti da riempire di senso e di vita”

di

Venerdì 30 Aprile a Villa Ronco, sede della società cooperativa sociale Lanza del Vasto, c’è stata la presentazione del progetto “Genova-un ponte...

Fey y Alegria: formazione ed integrazione

di

Fey y Alegria è il Movimento di Educazione Popolare e Promozione Sociale della Compagnia di Gesù nato a Caracas in Venezuela nel...