LA MAGIA E’ NELLA SCACCHIERA GIGANTE

di

PROGETTO SME: LA MAGIA E’ NELLA SCACCHIERA GIGANTE

NELLA PROPOSTA DI GIOCOMOTRICITA’ IL PRIMO TASSELLO DELL’APPRENDIMENTO DEL GIOCO DEGLI SCACCHI
GLI IDEATORI: “E’ IL PILASTRO DELLA FORMAZIONE MONDIALE NELL’ETA’ DELLA FANCIULLEZZA”

Accende la fiammella della passione. Fa in modo di conquistare, col gioco, grandi e piccini. Comunque la si voglia definire, è la scacchiera gigante lo strumento di maggior valore nel processo di formazione e apprendimento di Scacchi Metafora Educativa.

Sin dalla sua genesi, nel 2020, il progetto selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, ha attinto a piene mani dal metodo “Castle”, il sistema nato in Piemonte e utilizzato in tutto il mondo per diffondere al meglio la comprensione del gioco degli scacchi. Al suo interno, due sono le categorie di intervento. Quella per la fascia dei primi due anni di scuola primaria e quella indirizzata alle restanti tre annate. Nel primo step, la protagonista, è come detto, la scacchiera gigante.

“Il suo utilizzo è una nostra idea nata nell’ormai lontano 2003 – fa sapere Alessandro Dominici, Responsabile Nazionale del progetto SME e presidente della Associazione Alfiere Bianco, principale partner operativo del progetto – ringraziamo Alessandro Pompa per aver avuto questa bella intuizione che ha di fatto cambiato il modo di insegnare gli scacchi”.

Prima del suo avvento (in principio era un telone di semplice PVC realizzato per la prima volta a Cherasco, in provincia di Cuneo) gli insegnamenti erano solo quelli sul banco.

“Durante i corsi in prima elementare, avendo a disposizione solo 10 ore, ci siamo resi conto che l’atteggiamento ordinario non era sufficiente – spiega Dominici – abbiamo quindi pensato, insieme a Paola Russo, che fosse più adatto un percorso ludico attraverso l’utilizzo del corpo, per raggiungere risultati concreti nell’apprendimento psicomotorio che fossero funzionali anche agli scacchi”.

Natali a Cuneo, 61 anni, laureata in scienze Motorie e oggi insegnante nelle scuola secondarie , Russo ha da subito messo anima e corpo nella sua creatura, ideando le proposte ludiche e facendola diventare in poco tempo lo strumento primario, nel mondo, per l’insegnamento degli scacchi nella fascia d’età a cavallo tra infanzia e prima fanciullezza.

“Col corpo concetti come orizzontale, verticale, avanti, indietro, diagonale, destra e sinistra si apprendono in un attimo se poi ci metti un gioco di cattura tutto diventa meravigliosamente soddisfacente per i bimbi”.

Nella magia del metodo “gioco motricità su scacchiera gigante” ci sono altri protagonisti. Claudia Pulzoni, laureata SUISM (Struttura Universitaria di Igiene e Scienze Motorie) ha collaborato e collabora alla creazione delle attività. La sorella Irene Pulzoni, counselor, appassionata di psicologia, analizza e

cura la parte emozionale della proposta. Ne dettaglia gli aspetti positivi sul bambino, né esalta le enormi implicazioni dal punto di vista cognitivo e comportamentale, offre suggerimenti psicopedagogici per gli insegnanti impegnati nella gestione del gruppo classe.

Dal lavoro in team non poteva non venir fuori un manuale utile a tutte le generazioni, presenti e future. “La Giocomotricità su scacchiera gigante – Manuale per Insegnanti e Istruttori”, edito da Le Due Torri. Il manuale è tradotto in cinque lingue e utilizzato dalla FIDE, la Federazione Internazionale di scacchi. Un’ eccellenza italiana, insomma, nata a Savigliano, utilizzata nel mondo, tassello imprescindibile del progetto SME.

Il progetto SME è stato selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. Il Fondo nasce da un’intesa tra le Fondazioni di origine bancaria rappresentate da Acri, il Forum Nazionale del Terzo Settore e il Governo. Sostiene interventi finalizzati a rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la piena fruizione dei processi educativi da parte dei minori. Per attuare i programmi del Fondo, a giugno 2016 è nata l’impresa socialeCon i Bambini, organizzazione senza scopo di lucro interamente partecipata dalla Fondazione CON IL SUD. www.conibambini.org.

Per approfondimenti sul progetto:
www.csen.it
www.percorsiconibambini.it

Ti potrebbe interessare

La resilienza dei genitori: giovedì 5 novembre il primo webinar

di

Nell’ambito del Progetto Nazionale “Scacchi metafora educativa”, co-finanziato dall’impresa sociale “Con i bambini”, il Gruppo Sostegno Genitori composto da professionisti del settore educativo...

PROGETTO SME: GLI SCACCHI APPASSIONANO A TERNI E AMELIA APRONO DUE CLUB

di

  PORTA APERTE UNA VOLTA A SETTIMANA A CHI HA TRA GLI 8 E I 14 ANNI Distanti quasi 30 km ma...

Genitore stupefacente! Uso e abuso di alcool e –sostanze- in età adolescenziale

di

GENITORE STUPEFACENTE! Uso e abuso di alcol e “sostanze” in età adolescenziale Di fronte ai sospetti di consumo di alcol o di...