La peer education per un approccio positivo e consapevole alle tecnologie digitali

di

Allo zen di Palermo un laboratorio incentrato sull’uso dei new media per conoscere rischi e opportunità di internet e degli strumenti digitali

Usare in maniera consapevole e positiva le tecnologie digitali, imparando a individuare – tra pari – rischi e benefici della rete: è questo l’obiettivo del laboratorio promosso dall’associazione Laboratorio Zen Insieme e dalla cooperativa EDI, nell’ambito del progetto S.C.AT.T.I. a Palermo.

Il percorso, che ha coinvolto due classi di scuola secondaria dell’I.C. Leonardo Sciascia di Palermo, è stato pensato e fortemente voluto in presenza, nonostante le difficoltà del periodo, affinché si potesse costruire una relazione di fiducia che avrebbe condotto il gruppo ad una reale condivisione di pratiche e saperi. Il primo incontro si è svolto in classe con il prezioso aiuto di tutto il personale scolastico, ed insieme si è scelto quali argomenti approfondire e quali strategie adottare.

Successivamente, per via dell’aumento dei contagi, si è reso necessario svolgere buona parte degli incontri on-line, ma questo ostacolo non ha mai scoraggiato il gruppo. Anzi, si è riusciti a trovare del positivo anche utilizzando cellulari e tablet per parlare di argomenti importanti.

In particolare questi laboratori, centrati sulla costruzione nelle ragazze e nei ragazzi di migliori competenze per riconoscere, modulare e gestire il proprio rapporto con le tecnologie e con i social in generale, sono stati strutturati ricorrendo alla peer-education, quale strumento innovativo e sperimentale di trasmissione del sapere fra pari.

Nei vari incontri, le alunne e gli alunni sono stati condotti attraverso giochi, attività di gruppo, letture e video, in un percorso volto a:

–  riconoscere le “fake news” e imparare a difendersi da esse, attraverso esperienze sia personali che collettive, che hanno portato alla luce narrazioni sul nostro quartiere davvero interessanti;

–  difendere la propria privacy sui social e scoprire come condividere le informazioni in modo appropriato e sicuro;

–  riconoscere il cyberbullismo, difendersi da questo e saper aiutare le compagne e i compagni in difficoltà, nonché individuare le figure a cui rivolgersi;

saper difendersi dall’adescamento in rete e imparare a distinguere e gestire le conoscenze on-line, nonché a difendersi da persone che non hanno buone intenzioni.

È stato chiaro fin da subito che il livello di consapevolezza in ambito di tecnologie digitali era più alto del previsto. Alcune e alcuni hanno mostrato grande conoscenza dei diversi dispositivi, ma quasi nessuno possedeva dimestichezza con la protezione dei propri dati sensibili. Condividendo pratiche e strategie insieme, è stato possibile mettere alla prova ciò che si era imparato, così da utilizzare i dispositivi in modo più sicuro e attento.

Il laboratorio, tornato infine in presenza, si è concluso con un lavoro collettivo che si è rivelato davvero coinvolgente! È stato infatti realizzato un eBook interattivo, utilizzando contenuti grafici, video e testi informativi, tutti realizzati dagli studenti e dalle studentesse. Il lavoro collettivo è stato molto pratico, divertente ma anche importante, perché li aiuterà ad informare i loro coetanei in maniera accurata su tre argomenti principali: il cyberbullismo, le fake-news e il sexting.

Uno strumento facilmente fruibile da tutti e tutte (alcuni lo porteranno addirittura agli esami di terzo anno), che le ragazze e i ragazzi, ma anche gli insegnanti, stanno già diffondendo, sfruttando anche i social, che sono stati fra gli argomenti principali del laboratorio!

Un contenuto sicuro ed educativo che si spera possa diventare “virale” tra i giovani e le giovani del quartiere ed oltre.

Articolo a cura di Valentina Morici, educatrice Laboratorio Zen Insieme

 

Regioni

Ti potrebbe interessare

Covid-19, a Palermo il Laboratorio Zen Insieme contro la diffusione delle disuguaglianze

di

Il partner territoriale di S.C.AT.T.I. aiuta le famiglie in difficoltà, rese ancora più fragili dal lockdown Se c’è un insegnamento, o forse...

L’educazione positiva ai tempi del Covid 19

di

Il celebre pedagogista sovietico Vygotskij sosteneva che “Diventiamo noi stessi attraverso gli altri”. È un pensiero che, sintonizzato alla straordinarietà di quanto...

I ragazzi protagonisti del cambiamento con i Laboratori di Progettazione Partecipata

di

“Non abbiamo bisogno della magia per cambiare il mondo: abbiamo già dentro di noi tutto il potere di cui abbiamo bisogno, abbiamo il potere di immaginare le cose migliori di quelle che sono” scrive J.K. Rowling,...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK