Giovani, interesse e partecipazione

di

I ragazzi del Laboratorio Ri-Belli per Volersi Bene

I giovani, i loro interessi, la loro serietà, la partecipazione. Tutti aspetti, positivi, riscontrati da Maria Rita La Ferla, nel corso del laboratorio di educazione all’affettività.

“Tra i temi che abbiamo affrontato nell’ambito dell’educazione all’affettività, il Laboratorio Ri-Belli per Volersi Bene, riservato ad un’età complessa come l’adolescenza, figura anche l’omosessualità e l’omofobia.

Abbiamo potuto constatare come i ragazzi erano già preparati ad affrontare in maniera seria argomenti così importanti e delicati, anche perchè ne avevano già parlato diffusamente in ambito scolastico.

Dopo una nostra introduzione, i ragazzi hanno parlato liberamente e con grande efficacia con noi e tra loro.

Un altro argomento, molto complesso, affrontato con i ragazzi, è stato dedicato alle emozioni.

I ragazzi, nel raccontarsi, hanno agito empaticamente tra loro, facendo nascere e coltivando emozioni all’interno del gruppo.

Anche la finestra di Johari, altro argomento non certo semplice, ha riscontrato grande interesse e approvazione da parte dei ragazzi, i quali, ancora una volta, hanno dato dimostrazione di interesse, attenzione e partecipazione”.

Regioni

Ti potrebbe interessare

Motivazione e sostegno, Ri-Belli in campo

di

Letizia Cascone, cooperativa Aksara, ci parla dell'attività con una ragazza di origine tunisina all'istituto scolastico Volta di Acate

“Ri-Belli per stupire”, energia pura

di

Il primo incontro del laboratorio fotografico nel Presidio di Marina di Acate

Da un oggetto, una storia

di

Interessante dinamica durante il Laboratorio Teatrale del Progetto Ri-Belli, organizzato da Abaco-Il Teatro Conta, in collaborazione con I Tetti Colorati Onlus

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK