Femminicidio: a Napoli una tavola rotonda per offrire risposte concrete agli orfani

di

Che cosa succede ai figli delle vittime di femminicidio e crimini domestici? Qual è la loro sorte quando si spengono i riflettori della cronaca e resta da fare i conti con la vita e i problemi della quotidianità? In che modo possono chiedere e ricevere supporto, esiste una rete intorno a loro?

È a queste ed altre domande che si proverà a dare una risposta nel corso della tavola rotonda interistituzionale in programma a Napoli giovedì 16 dicembre alla Sala dei Baroni del Maschio Angioino dalle 10 alle 12.

L’evento, organizzato dalla cooperativa sociale Irene ’95 e dal consorzio Co.Re in collaborazione con il Comune di Napoli e Cnca (coordinamento nazionale comunità di accoglienza), è realizzato nell’ambito del progetto Respiro, giunto ormai al secondo anno di operatività.

“L’obiettivo di questa tavola rotonda è quello di mettere insieme tutte le istituzioni che in qualche modo hanno a che fare con la storia e vicende degli orfani speciali – commenta Fedele Salvatore, presidente della cooperativa Irene ’95 e responsabile del progetto Respiro – Vogliamo passare da quelle che possiamo chiamare ‘le buone intenzioni’ alle ‘procedure istituzionali’. Abbiamo già siglato molti protocolli d’intesa con la maggior parte degli enti coinvolti in questi lavori, adesso vogliamo lavorare per scrivere insieme una procedura condivisa e standardizzata, che resti nel tempo e serva in tutti i casi di femminicidio. Per intenderci, dobbiamo rispondere alla domanda: quando succede un femminicidio e nei mesi successivi, chi interviene e cosa deve fare? Da qui parta il lavoro condiviso di presa in carico degli orfani fin dal momento dell’emergenza”.

Il programma

Interverranno per i saluti Luca Trapanese, assessore alle Politiche sociali del Comune di Napoli, Marco Rossi Doria, presidente Impresa Sociale Con i Bambini, Giovanpaolo Gaudino, presidente del consorzio Co.Re.

Lintroduzione dei lavori sarà affidata a Fedele Salvatore, presidente della Cooperativa sociale Irene 95 e responsabile del progetto Respiro.

Parteciperanno Maria de Luzenberger, procuratrice della Repubblica presso il tribunale per i minorenni di Napoli; Patrizia Imperato, procuratrice della Repubblica presso il tribunale per i minorenni di Salerno; Antonio Jannece, comandante Legione dei Carabinieri della Campania; Nunzia Brancati, dirigente divisione Anticrimine Questura di Napoli; Giovanni Galano, Autorità Garante per lInfanzia e ladolescenza Regione Campania; Immacolata Troianello, presidente Ordine degli Avvocati di Napoli; Gilda Panico, presidente Ordine degli Assistenti sociali della Campania; Roberta Gaeta, consigliere regionale Campania; Elena Procino, comitato Pari Opportunità e cura delle relazioni” Ordine degli Psicologi della Campania.

Modera la giornalista Amalia De Simone.

Regioni

Argomenti

Ti potrebbe interessare

Operatori allo specchio: l’incontro con gli orfani speciali

di

Tre giorni per fare formazione, per dare spazio allo stare insieme, per capire le emozioni e mettere a confronto i diversi vissuti....

Orfani di crimini domestici. La formazione degli operatori

di

In tutte le regioni in cui opera il progetto Respiro si stanno svolgendo cicli di formazione sui diversi aspetti della presa in...

Borsa di studio della Fondazione Artemisio assegnata ad un orfano di vittima di femminicidio

di

È stata assegnata ad un orfano speciale campano una delle borse di studio della Fondazione Artemisio riservate a studenti meritevoli delle scuole...