QSQE – Il giornalino della Scuola Diffusa

di

Gli 11 artigiani che hanno aderito all’iniziativa Scuola Diffusa sono diventati essi stessi insegnanti, facendo delle loro botteghe altrettante aule temporanee per le lezioni dei bambini accompagnati dai docenti della scuola.

A loro il merito di aver svelato ai bambini, attraverso il loro lavoro, argomenti e leggi che hanno integrato le lezioni. Nelle molte “aule diffuse” nel quartiere che i bambini hanno frequentato ogni mattina, il programma della scuola si è arricchito dei saperi di panettieri, verdurai, artigiani, tecnici della Municipalità. Gli alunni hanno appreso i principi della chimica dalla lievitazione del pane o dalla cottura dei cibi, regole della matematica tramite i calcoli del taglia e cuci, il ciclo delle stagioni e la crescita di piante e frutta visitando i negozi di frutta e verdura, il funzionamento di apparati e meccanismi tecnici nei magazzini di riciclo o negli uffici tecnici comunali.

Oltre all’attestato, agli artigiani sono state consegnate le copie di “Primo diario di viaggio della Scuola Diffusa”, il giornalino che gli alunni hanno scritto e pubblicato alla fine di questo primo anno di scuola.

Regioni

Ti potrebbe interessare

Il Mare a colori

di

Un piccolo grande viaggio nella scrittura e nella città a cura degli studenti della Scuola Diffusa, a Foqus, nei Quartieri Spagnoli di...

LA SCUOLA PIU’ GRANDE D’ITALIA È AI QUARTIERI SPAGNOLI DI NAPOLI

di

La scuola più “grande” d’Italia, ovvero la “Scuola Diffusa – Quartiere Educante”- le cui aule sono diffuse nei vicoli nell’intero, popoloso e...

Un’uscita al cimitero delle Fontanelle

di

Nel 2020, con i ragazzi di seconda media con cui l’anno scorso abbiamo prodotto “il mare a colori”, primo numero del giornale...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK