La storia di Rubiconda, quarta puntata: “Mistero risolto”

di

Contributo a cura di Armando Caringi* – Continuiamo il nostro “viaggio a puntate” per conoscere insieme La storia di Rubiconda, un’idea creativa nata per gioco nell’ambito dei laboratori estivi del progetto PRIMAI sul territorio di Sora.

LA STORIA DI RUBICONDA

QUARTA PUNTATA

Ci ritroviamo in Ludoteca e tutti insieme un po’ preoccupati per la sparizione misteriosa di Rubiconda. Anna, 5 anni, mi confessa: “Sono tutta emozionata”. Io – notoriamente insensibile – riesco ad intenerirmi e le confido, facendole l’occhietto, che Rubiconda sta benissimo, basta cercarla.

Riprendo la condivisione del racconto con una domanda: “Come fecero gli amici di Rubiconda a cercarla nella sua casa labirinto?”.

Avevo necessità di sollecitare una qualche sorta di collegamento con il codice segreto e confidavo nell’intuizione di qualcuno.

Dopo varie ipotesi, più o meno fantasiose, stranamente creative, piuttosto ardite in taluni casi, quando mi stavo rassegnando a intervenire più massivamente con la reintroduzione del suggerimento alfanumerico, Giuseppe, 5 anni, irrompe con:” Ma loro ce l’avevano il Codice Segreto?”. Mai disperare caro Narratore, che poi sarei io, occorre sempre confidare nella stentorea memoria di ferro dei bambini.

“Ovvio che si” ma, continuo con un certo tono alludente e minaccioso “ma il codice segreto per funzionare ha bisogno di essere personalizzato”. Chiedo di recuperare il loro per controllare che ognuno sia diverso dall’altro. Uno scambio di notizie degno della migliore tradizione cinematografica hollywoodiana relativa alle trattative di Wall Street.

Credo abbia partecipato tutto il vicinato….

Alla fine però, come ogni mercato libero che si rispetti, abbiamo trovato un equilibrio e Manuel, 6 anni, ha trovato la famosa quadra ma questo ve lo racconteremo nella prossima puntata.

*Presidente associazione IL FARO ONLUS SORA

 

Regioni

Argomenti

Ti potrebbe interessare

A Sora boom di presenze per le attività estive di PRIMA I

di

Di Miriana Perruzza* – Vorrei condividere con voi questa riflessione che mi è scaturita spontaneamente in merito al nuovo inizio delle attività...

Dall’emergenza possono nascere opportunità: PRIMA I al lavoro con una nuova sperimentazione sul web

di

La squadra di “PRIMA I” sta cercando di interpretare l’emergenza sanitaria in corso, con tutte le sue limitazioni e regole da rispettare,...

P.R.I.M.A. I. a Sora: “Il laboratorio di creatività digitale un’esperienza entusiasmante tra antico e moderno”

di

Marco Vinci, grafico specializzato con alle spalle un percorso di studi maturato presso l’Accademia delle Belle Arti, impegnato da anni nella gestione...