Dall’emergenza al gioco di ruolo: a Sora i laboratori PRIMA I sperimentano col sorriso

di

Testimonianza dell’associazione partner “Il Faro Odv” – I bambini ci osservano, ci scrutano. Ci Imitano. Ne abbiamo avuto prova una volta di più nei nostri laboratori “speciali” a Sora, quando, durante la fase della chiusura delle scuole per via della zona rossa abbiamo supportato le famiglie con i nostri laboratori.

Tra tutti ci ha colpito un bimbo di quattro anni che ha frequentato la ludoteca aperta in via eccezionale in quella fase di chiusura per il laboratorio di psicomotricità. Era lì, attento. Osservava i bambini più grandicelli, di prima  e seconda elementare che venivano seguiti durante la DAD.

I filtri dei bambini sono fantastici: dopo tanta osservazione un giorno questo bimbo ha voluto giocare a fare il maestro a distanza. Abbiamo scelto di assecondare la sua fantasia e curiosità  e abbiamo costruito un finto schermo PC con il cartone simulando la lezione a distanza. Questa cosa ha scatenato l’entusiasmo degli altri piccoli che frequentavano i laboratori PRIMA I e che hanno voluto fare la stessa esperienza.

Da qui la scelta di riportare questa esperienza nel nostro percorso per far capire loro quanto questa eccezionalità andasse condita di normalità. In pratica abbiamo accolto un “gioco di ruolo” trasformandolo in un’attività costante. Bellissimo vedere il gioco dei ruoli ed utilissimo fornire ai bambini una prospettiva diversa.

Regioni

Argomenti

Ti potrebbe interessare

Sora: “Il momento dei saluti del Laboratorio di Psicomotricità del Centro estivo”

di

E’ stata un’estate ricca per  PRIMA I sul territorio di Sora. Grazie alla collaborazione con la Ludoteca La Fortezza dei Sogni, il...

A Sora boom di presenze per le attività estive di PRIMA I

di

Di Miriana Perruzza* – Vorrei condividere con voi questa riflessione che mi è scaturita spontaneamente in merito al nuovo inizio delle attività...

Sora, laboratori di nuovo attivi nelle scuole: “Che anno particolare!”

di

di Maria Lorena Micheli* –Questa lunga emergenza sanitaria ci ha costretto a fare i conti con un anno pieno di cose complicate...