Biscotti, panettoni e tiramisù per imparare i segreti del mestiere con la CNA e Ai.Bi.

di

GLI ALLIEVI DELLA CALCEDONIA A LEZIONE DI PASTICCERIA

Le loro facce devono essere state simili a quelle dei bambini che al cinema assistevano increduli alle meraviglie di Willy Wonka e della sua fabbrica di cioccolata. Perché quando Lucia Impemba e sua figlia Carmen aprivano i tre borsoni che ogni volta si portavano dietro da Capaccio, dove ha sede il loro biscottificio Nonna Lucia, uscivano fuori ciotoline e fruste che sarebbero servite a realizzare biscotti saporiti, panettoni fragranti e perfino un tiramisù da leccarsi i baffi.

Sette alunni dell’istituto comprensivo salernitano Calcedonia hanno potuto partecipare al laboratorio di pasticceria fortemente voluto dalla CNA di Salerno del presidente Lucio Ronca nell’ambito del progetto “Panthakù. Educare dappertutto”, sostenuto dall’Impresa Sociale Con i Bambini. E lo hanno fatto con passione, impegno e tanta professionalità.

Torta mele Panthakù

“Per me è stata un’esperienza bellissima e anche molto formativa – racconta Lucia – Ho sempre letto grande entusiasmo negli occhi dei ragazzi che hanno seguito con attenzione le nostre lezioni”. Le difficoltà non sono mancate, perché non è semplice ricreare un laboratorio di pasticceria tra i banchi scolastici, senza forni, frigoriferi e frullatori, “ma alla fine con un pizzico di inventiva ci siamo riusciti”.

Anche perché, in soccorso dei laboratori è arrivata la tecnologia. Lucia ha infatti avuto l’idea di aprire un gruppo WhatsApp, di modo che, una volta a casa, i ragazzi, con l’aiuto delle rispettive famiglie, potessero continuare a cimentarsi con i fornelli, sperimentando la creazione di dolci squisiti, seguiti passo passo, attraverso la necessaria documentazione fotografica, dalle due esperte. Se i bambini hanno imparato i segreti dell’arte dolciaria, riuscendo ad acquisire le competenze minime per preparare una merenda gustosa e salutare, mamma e figlia da loro hanno imparato la semplicità, la freschezza e la gioia di chi si ritrova protagonista di un laboratorio goloso che, perché no, potrebbe diventare domani una scelta di vita professionale.

dolce insieme Panthakù

“Quello che mi ha colpito è stata la loro curiosità e il loro livello di attenzione sempre molto alto – sottolinea Lucia – Il tiramisù, ad esempio, non era uno dei dolci a cui avevamo pensato, ma ce lo hanno chiesto con tanta insistenza che non abbiamo potuto fare a meno di andare al supermercato a comprare tutti gli ingredienti per realizzarlo e gustarlo insieme”.

Inizio stage pasticceria

Una dolce festa, al cui interno non è mancato un momento di riflessione sulle regole della corretta alimentazione e su come orientarsi nella difficile scelta delle tante ricette da realizzare. Il segreto della riuscita? Prestare attenzione, utilizzare sempre materie prime di altissima qualità, rispettare i tempi di cottura e le proporzioni. Perché l’arte dolciaria, proprio come la vita, richiede molto equilibrio.

Regioni

Ti potrebbe interessare

Titti Improta chiamata da Ai.Bi. all’IC Denza: “ragazzi, imparate a cadere e rialzatevi”

di

“Mi chiamo Titti Improta, sono una giornalista sportiva ed ho fallito”. Così la giornalista e presidente della commissione Pari Opportunità dell’Ordine dei...

Sono una prof ma con Panthakù sono tornata alunna e ora vi racconto com’è andata

di

Maria Cristina Corbisiero dell’IC Calcedonia di Salerno racconta l’esperienza fatta al laboratorio Vela del progetto Panthakù di Ai.Bi.   Tra i più...

Breaking news, youtuber e regali di Natale: il 20 dicembre la prima diretta della webradio Panthakù dalla scuola Montalcini

di

I teen giornalisti intervisteranno anche due docenti. E ci sarà una rubrica molto speciale dedicata alle scienze   Manca veramente pochissimo per...