Al via Opportunit@’, la comunità educante pensata da Mediterranea

di

Cominciano le attività nel Salento anche per la comunità educante di Mediterranea che, nelle aree del basso Salento intende promuovere percorsi di riflessione e formazione coinvolgendo i giovani, anche attraverso l’utilizzo di una web tv.

Di seguito l’intervista ad Anna Maria Caputo, responsabile di Mediterranea.

In Puglia il fenomeno della dispersione o dell’abbandono scolastico, che nel 2021 si è attestato al 17,6%, come ha rilevato Openpolis, rappresenta una vera e propria minaccia per il futuro di bambini e ragazzi. Con Opportunit@’, Mediterranea vuole fornire un primo strumento di aiuto, un supporto per cercare di invertire la rotta.

Il progetto intende sviluppare una comunità educante dinamica e inclusiva che affronti, con un approccio integrato, le cause profonde  delle problematiche giovanili in un territorio periferico e con poche opportunità come il nostro. Offrire opportunità di riscatto è l’obiettivo prioritario che ci poniamo mettendo al centro di un sistema complesso i giovani. In questo modo si  inverte la tendenza e, in un processo di bottom up, si accolgono le istanze dal basso. Sono proprio i giovani a diventare fautori del  cambiamento coinvolgendo la comunità educante e parlando ai loro pari età attraverso uno strumento al passo con i tempi come la web tv  TeleOpportunit@’. Creare la comunità educante è anche un modo, a nostro avviso, estremamente efficace per affrontare la dispersione scolastica con strategie chiave ideate ai tavoli che coinvolgono l’intera collettività e raccolte nei patti educativi, uno degli ambiziosi output di progetto.

Con quali attività s’intende creare la comunità educante?

L’intero progetto verte sul coinvolgimento esponenziale della comunità educante allargata a giovani, famiglie, istituzioni, terzo settore, addetti ai lavori, enti pubblici e privati e stakeholder. Al centro del processo i giovani, gli studenti, a partire dai primi dieci selezionati presso il l’istituto d’istruzione superiore Amerigo Vespucci di Gallipoli, a cui se ne potranno aggiungere altri provenienti da diverse scuole. Si formano per diventare Sentinelle del cambiamento, destinatari e artefici, promotori e protagonisti delle azioni di progetto. Come mezzo propagatore si utilizza uno strumento accattivante per le nuove generazioni come la web tv in cui si origina una comunità virtuale a supporto di quella reale. Gli altri strumenti utilizzati per creare la comunità educante sono i tavoli di discussione tematici tenuti con l’Ambito sociale di Gallipoli (partner del progetto, ndr), i focus group gestiti presso il laboratorio urbano della città ionica dai partner Emys e GEA.
I tavoli di co-progettazione si terranno invece presso la sede di Mediterranea, ad Alezio. Tutti strumenti di compartecipazione finalizzati a individuare, discutere e risolvere problematiche giovanili, ripresi e pubblicati in diretta o in differita sulla web tv nel tentativo di ampliare la partecipazione coinvolgendo un numero sempre più vasto di soggetti.

Le attività si svolgono in tutti i Comuni dell’Ambito Sociale di Zona di Gallipoli. Quali sono le aspettative?

Il progetto riguarda tutti i Comuni facenti parte dell’Ambito, i presìdi fisici stabili in cui si svolgono le principali attività sono quelli indicati nella risposta precedente. A questo si aggiunge il Comprensivo Statale Italo Calvino di Alliste-Melissano che ha voluto aderire all’iniziativa. Attraverso l’Ambito saranno coinvolti i Servizi Sociali di ogni Comune aderente e, su richiesta, alcune attività potranno essere spostate presso le loro sedi. Aver focalizzato buona parte delle attività su Gallipoli è una scelta strategica in quanto qui risiedono buona parte delle scuole frequentate dai giovani e qui gli stessi si recano prevalentemente nel tempo libero, ne deriva che la città è raggiungibile facilmente con l’utilizzo di mezzi pubblici.
La diffusione è però prevista oltre l’Ambito anche tramite la web tv per la quale si potrà esplorare pratiche più o meno lontane che, se funzionali, potranno essere efficacemente trasferite. Non poniamo dunque confini, i ragazzi dovranno comunicare con i pari età di ogni dove e, grazie alla formazione che riceveranno curata dai partner Racale CAM, GEA, Emys e Macaria,  potenzieranno le loro capacità di interazione con tutte le parti in causa per innescare relazioni virtuose, trasmettere messaggi positivi e costruire opportunità. Questo è decisamente quello che ci auspichiamo!

Anna Maria Caputo, Mediterranea

Regioni

Ti potrebbe interessare

Educazione alla lettura per contrastare le fake news

di

Nel mondo digitale di oggi, dove le notizie sembrano viaggiare alla velocità della luce e le informazioni abbondano a portata di click,...

Più opportunità per i giovani nel Salento: via a Opportunit@’

di

Sotto a chi tocca! Svelato il progetto ai primi 19 studenti dell’”Amerigo Vespucci” di Gallipoli: una web tv per l’inclusione sociale e...