Il Rapporto CRC sui diritti dell’infanzia e l’adolescenza: una fotografia preoccupante per la Campania

di

Presentato ieri presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II” il Rapporto CRC anno 2021 “I diritti dell’infanzia e dell’adolescenza in Italia – I dati regione per regione” – seconda edizione, con un focus sui dati relativi alla Regione Campania che marcano sempre di più l’importanza di progetti di prevenzione precoce del mal-trattamento infantile come lo è Legami Nutrienti.

Un rapporto dal quale emerge che i quasi dieci milioni (9.287.462) di persone minori di età possono vedere o meno rispettati i propri diritti solo a seconda del luogo geografico in cui vivono. In altre parole nel 2022 l’infanzia è ancora tutelata a macchia di leopardo, a dispetto dei famigerati e mai attuati livelli essenziali di prestazioni.

 

Il GRUPPO PROMOTORE DEL RAPPORTO

Il Gruppo di Lavoro per la Convenzione sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza (CRC), coordinato da Save the Children Italia, è un network composto da 100 soggetti del Terzo Settore, tra cui il CISMAI, ente partner di Legami Nutrienti, che da tempo si occupano attivamente della promozione e tutela dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. La pubblicazione affianca l’analisi nazionale sviluppata nel Rapporto annuale di monitoraggio così da offrire una fotografia regionale attraverso una serie di indicatori e utili spunti per ulteriori approfondimenti.


L’ORGANIZZAZIONE GENERALE DELLA PUBBLICAZIONE

La pubblicazione è organizzata in 20 schede regionali che offrono dati sintetici e comparabili relativi alle aree tematiche individuate. Partendo dai contenuti dei rapporti annuali di monitoraggio, sono stati individuati sette raggruppamenti tematici. Per ciascuno di essi è stato individuato un set di indicatori per un totale di 164 indicatori. Significativa nel Rapporto è la presenza di dati sulle persone di minore età a rischio povertà o esclusione, sulla povertà abitativa, sulle attività culturali, lo sport e la povertà alimentare, i dati relativi alla scuola dell’infanzia e alla sicurezza nelle scuole, i dati sui minorenni vittime di abusi.


LA SITUAZIONE IN REGIONE CAMPANIA

  • Dati demografici

Le persone di minore età in Campania sono 987.181, il 17,4% della popolazione totale della regione, contro una media nazionale del 15,7% ma con un trend in diminuzione rispetto al precedente Rapporto. Il tasso di natalità (per mille abitanti) è di 7,9, superiore di 1,1 rispetto alla media nazionale. La speranza di vita alla nascita è invece di 80,8 anni (inferiore rispetto alla media nazionale di 82 anni). Le famiglie con 5 o più componenti sono 8,7 su 100, superiori rispetto alla media italiana di ben 5,2, mentre i nuclei monogenitoriali sono il 20,3% (2,8 punti superiori rispetto alla media italiana).

  • Povertà materiale ed educativa

Oltre ai dati sulla povertà economica, nel rapporto sono stati aggiunti nuovi indicatori che consentono una visione più completa e multidimensionale del fenomeno della povertà minorile.

In Campania la percentuale di persone di minore età in povertà relativa è del 34,4%, superiore di ben 14 punti rispetto alla media nazionale e in aumento di 2,1 punti rispetto al precedente rapporto. La percentuale di minori che vive in abitazioni prive di alcuni servizi e con problemi strutturali è del 15,3% (media italiana 12,8%).

I bambini e i ragazzi di 6-17 anni che nel tempo libero hanno l’abitudine alla lettura di libri sono il 38,2%, inferiore di 13,7 punti rispetto alla media nazionale. La percentuale di bambini e ragazzi di 3-17 anni che, nel tempo libero, praticano sport è del 41,4%, inferiore di ben 18,4 punti rispetto alla media nazionale e con una tendenza in aumento di 12,7 rispetto al precedente rapporto. In relazione alla povertà educativa digitale, la percentuale di minori tra 6 e 17 anni che non utilizzano Internet è del 22,3%, superiore di 6,6 punti rispetto alla media nazionale.

Infine, la percentuale dei minori che non consuma un pasto proteico al giorno è del 5,4%, di poco superiore alla media nazionale (5,1%).

  • Ambiente familiare e misure alternative

Rispetto ai dati relativi all’ambiente familiare e misure alternative, in Campania il tasso di affidamenti familiari (al netto dei MSNA) è di 0,8 ogni mille residenti (media italiana 1,5). I bambini e gli adolescenti stranieri in affidamento familiare sono il 3%, inferiore di 15,9 rispetto alla media italiana.

Il tasso per mille residenti di 0-17 anni (al netto dei MSNA) nei servizi residenziali per persone di minore età è di 1,1 (media nazionale 1,3), in diminuzione di 0,2 rispetto alla precedente edizione. La percentuale di bambini e adolescenti stranieri presenti nei servizi residenziali è del 48,6% (inferiore rispetto alla media nazionale di 54,9%), mentre la percentuale di bambini e adolescenti accolti nei servizi residenziali con disabilità certificata è di 4,6% (0,4 inferiore alla media italiana).

Rispetto al tema relativo alle persone di minore età con un genitore detenuto, la percentuale di colloqui con minori sul totale dei colloqui è del 20,6% (media nazionale del 20,4%), mentre il numero di istituti penitenziari in cui è presente una ludoteca è di 4 su 15.

  • Educazione, gioco e attività culturali

La percentuale dei comuni coperti da servizi socioeducativi per la prima infanzia è del 73,1%, superiore di 13 punti rispetto alla media nazionale del 60,1%. Il numero di posti nei servizi socioeducativi per la prima infanzia per 100 bambini di 0-2 anni è però di 10,4 (contro una media italiana di 26,9).

La percentuale di alunni della scuola primaria che usufruiscono del servizio mensa è del 25,4%, inferiore di 30,9 rispetto alla media nazionale. Nelle scuole statali sono presenti 30.065 alunni con disabilità mentre la percentuale degli alunni con cittadinanza non italiana presenti sul totale degli ordini è del 2,9%.

La percentuale di persone di 18-24 anni che hanno conseguito la sola licenza media e non sono inseriti in un programma di formazione (Early School Leaver) è del 17,3% (media italiana 13,1%), mentre la percentuale di persone di 15-29 anni che non lavorano e non studiano (Neet) è del 34,5% (media nazionale 23,3%).

Infine, la percentuale di edifici in cui è presente il certificato di agibilità è del 32,9% inferiore rispetto alla media italiana del 39%. 

  • Salute e servizi di base

Il numero medio di residenti per sede consultoriale è di 41.547 (media italiana 32.325). Sono presenti 54 punti nascita, di cui il 20,4%, con meno di 500 parti l’anno (inferiore di 3,6 punti rispetto alla media nazionale) e in diminuzione rispetto ai dati riportati nel Rapporto del 2018. I bambini residenti per medico pediatra sono 997,8 (media italiana 966,7) con una tendenza in diminuzione rispetto al precedente rapporto. Rispetto alle coperture vaccinali: la copertura per il morbillo è del 98%, superiore di 2,8 rispetto alla media nazionale con una tendenza in aumento rispetto al precedente rapporto. La percentuale di bambini obesi e gravemente obesi è del 18,8%, superiore di ben 9,4 punti rispetto alla media nazionale e in aumento rispetto alla precedente edizione. Il tasso di mortalità infantile è del 3,85‰ (media nazionale 2,88‰). Passando all’ambiente, e specificatamente alla qualità dell’aria urbana, i livelli di esposizioni della popolazione urbana all’inquinamento atmosferico da particolato PM 2,5 superiore a 10 mcg/m3 è del 77,4%, inferiore di 4,5 rispetto al dato nazionale 81,9%. Infine, la disponibilità di verde urbano è del 13,5, inferiore di 20,3 rispetto alla media nazionale del 33,8.

  • Protezione

In merito al tema della protezione, i minori stranieri non accompagnati presenti e censiti in Campania sono 195 (Italia 7.802), tendenza in diminuzione rispetto alla precedente edizione. Con riferimento alle persone di minore età in stato di detenzione o misure alternative, nei Servizi residenziali sono presenti 192 minorenni, il 14,6% rispetto al totale nazionale di 1.310, con tendenza in diminuzione rispetto al precedente Rapporto.

Per la prima volta quest’anno sono stati poi inseriti i dati forniti dal Ministero dell’Interno rispetto ai minori vittime di abuso e di maltrattamento per una serie di reati, seppure forniscono solo uno sguardo parziale sul fenomeno: i reati per maltrattamento contro familiari e conviventi segnalati sono 2.794, il 12,87% del totale nazionale (21.709).

“ La Campania – ha commentato Luigi Malcangi, di Save the Children Italia – è un caso molto emblematico del nostro Paese dove la grave carenza di spazi, servizi, politiche e visioni strategiche in favore dell’infanzia negli ultimi decenni, ha generato un livello di incertezza che è oggi allarmante e abbiamo il dovere di riconoscere la gravità e l’urgenza di questa crisi per intervenire e cambiare rotta, utilizzando la grande opportunità che il PNRR e i fondi europei ci concedono in questo momento storico.”

Regioni

Ti potrebbe interessare

LeNu continua il tavolo territoriale sulla genitorialità

di

Alla fine di novembre si è riunito nuovamente il tavolo sulla genitorialità promosso da LeNu a cui hanno partecipato vari enti partner...

La Federazione Italiana Medici Pediatri ancora alla scuola Russolillo: si parla di pubblicità e dispositivi elettronici

di

Nell’incontro con le mamme di LeNu presso l’Istituto Scolastico ‘Russolillo’ tenutosi circa dieci giorni fa, il dottor Gabriele Grisolia, membro della Federazione...

La Video Interaction Guidance, LeNu ‘incontra’ l’esperta inglese Penelope Rackett

di

Tradotto in italiano Video Interaction Guidance (VIG) significa pressappoco video guida all’interazione e indica un intervento di consulenza, condotto da un esperto,...