ItaliaEducante: la prima istantanea del progetto

di

Il progetto ItaliaEducante | Ecosistemi Innovativi di Resilienza Educativa è giunto alla conclusione del primo anno di attività ed i numeri, alla luce del report di verifica intermedia – settembre 2018/marzo 2019 – sulle fasi Accoglienza/Accompagnamento ed Autonomia elaborato dai territori aderenti, fotografano il progetto multi-regionale nella sua capacità di coinvolgere in modo importante il territorio in cui si è andato a innestare.

Sei delle sette regioni attive in ItaliaEducante (Campania, Emilia-Romagna, Piemonte, Puglia, Trentino Alto Adige, Veneto) hanno registrato un elevato ed efficace coinvolgimento di scuole e docenti, oltre ad un diffuso senso di apprezzamento, da parte degli stakeholders, per la capacità del progetto di rispondere alle necessità educative dei territori, offrendo proposte differenziate e complementari alle già tante iniziative in campo in ogni area.

Nell’infografica che segue, l’istantanea su ItaliaEducante, regione per regione, con le principali attività sviluppate nelle tre fasi (Accoglienza, Accompagnamento e Autonomia) monitorate nel periodo settembre 2018 – marzo 2019 (mancano i dati della Calabria, la settima regione coinvolta nel progetto che, per ragioni tecniche, è partita nell’attivazione del progetto olo da qualche settimana) ed i numeri dei soggetti coinvolti.

I dati sono stati presentati e condivisi con tutti i coordinatori e il team di lavoro ItaliaEducante nella giornata di giovedì 18 luglio 2019.

Ti potrebbe interessare

#Unodinoi | Teatro di vita

di

Nei laboratori che conduco è sempre bello vedere come “fioriscono” i ragazzi. E anche questa volta, non è stato diverso. Mi ha...

#dettotranoi | didattica a distanza | empatia virtuale vs empatia reale

di

Sono un’educatrice ItaliaEducante in un istituto agrario pertanto ho a che fare con ragazzi dal forte senso pratico. La fase #Accoglienza era stata...

#dettotranoi | Co-progettare che passione!

di

A Treviso, quest’anno, è successa una cosa speciale: per la prima volta, nella mia esperienza di educatrice, abbiamo co-progettato le attività per...