Il Creative Learning spiegato da Fondazione HforHuman

di

Cos’è il Creative Learning?

Cathy Davidson, studiosa e docente universitaria americana, stima che “circa i due terzi dei bambini che oggi frequentano la scuola primaria andranno a fare lavori che ancora non sono stati inventati”  ed è in questa prospettiva che si inseriscono l’attività di ricerca di Mitch Resnick e il creative learning : un metodo che affina la capacità di pensare e agire in modo creativo in un mondo che continuamente si trasforma.

Approfondiamo il tema con Carla Vitulo e Valentina Ercolani, educatrici per Fondazione HforHuman, la fondazione di H-FARM partner di Inclusi che partecipa al progetto con l’obiettivo di valorizzare il talento dei giovani e il loro accesso a percorsi educativi di qualità. Per fare ciò però il punto di partenza è la formazione di insegnanti e operatori affinchè possano acquisire competenze specifiche sull’uso delle tecnologie per una didattica inclusiva.

L’importanza del gioco

“Il gioco è un motore importante per l’apprendimento- esordisce Carla Vitulo- É fondamentale lavorare sulla persona e concentrarsi sullo sviluppo di attitudini nuove sin da bambini, sapendo che le esperienze ludiche possono supportarli nello sviluppo delle loro capacità per tutta la vita. Per questo è decisivo costruire un mondo in cui giocare consenta ai bimbi di sviluppare delle competenze per diventare poi adulti creativi.
In un contesto in cui il cambiamento è a una velocità senza precedenti, crediamo che l’approccio nato all’interno del Lifelong Kindergarten di Boston, il Creative Learning, ci aiuti a sviluppare le competenze richieste dal mondo di oggi. Durante le nostre attività applichiamo quella che è la spirale creativa del Creative Learning (apprendimento creativo).”

Immaginare, creare, giocare, condividere e riflettere: i primi step della Spirale Creativa

“Il processo creativo parte dall’immaginazione: iniziamo ad immaginare quando abbiamo intenzione di inventare o costruire qualcosa, creiamo progetti partendo dalle nostre idee, insieme ai nostri compagni giochiamo con le alternative che si presentano, condividiamo le nostre scoperte e riflettiamo sul come siamo arrivati a quella idea continuando ad immaginare strade e progetti alternativi. – ci spiega Valentina Ercolani.
Ed è proprio questo che cerchiamo di trasmettere agli insegnanti ed educatori durante gli incontri formativi che organizziamo per il progetto INCLUSI, forti dell’esperienza e delle competenze che abbiamo acquisito grazie alla nostro punto di vista privilegiato sul futuro come Fondazione di H-FARM.”

 

Perché adottare la metodologia del Creative Learning

“Conoscere le pratiche di creative learning – commenta Valentina- permette infatti di progettare e realizzare esperienze in grado di coinvolgere tutti gli studenti nel processo di apprendimento per una didattica inclusiva e rispettosa dei tempi e modalità di apprendimento degli studenti.“

“Viviamo in un mondo che cambia velocemente, pieno di sfide, ma anche di enormi opportunità – conclude Carla – per non farci travolgere dal cambiamento, dobbiamo immaginare in maniera creativa, ragionare con un mindset sistematico, ma soprattutto essere pronti a non smettere mai di imparare.”

 

Foto di Fondazione HforHuman

 

 

Ti potrebbe interessare

Tecnologie per la disabilità

di

La tecnologia digitale per l’inclusione degli studenti con disabilità Le tecnologie, che fanno ormai parte della quotidianità della vita in ogni dimensione,...

L’inclusione va oltre la disabilità

di

Dalla scuola alla vita, andata e ritorno. È un movimento circolare quello che sta al cuore di “Inclusi”, il nuovo progetto per il...

Bullismo e disabilità: ne parliamo con Dario Davì

di

Ledha organizza un primo incontro dedicato a operatori del settore al fine di sensibilizzare docenti e professionisti sui delicati temi del bullismo...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK