G.O.A.L.S. segna le prime reti contro la dispersione scolastica

di

Il progetto GOALS durante la conferenza stampa a Fermo

Il mese di Ottobre è stato il trampolino di lancio del progetto G.O.A.L.S.
Quando si dà il via a un piano di attività così ampio si inizia sempre con un brivido di adrenalina: tutta la nostra squadra si è attivata immediatamente per dare la giusta visibilità al progetto, a partire dall’organizzazione delle conferenze stampa.
Un punto fondamentale che ci eravamo prefissati di raggiungere era infatti la creazione di un piano sinergico con le istituzioni del territorio, e da lì siamo partiti. Cercando la collaborazione di amministrazioni comunali, istituti scolastici, enti ecclesiastici e cooperative sociali, abbiamo strutturato 4 rassegne stampa nei principali comuni coinvolti: Macerata, Civitanova Marche, Fermo e l’are aGrottammare-San Benedetto del tronto.

L’obiettivo era uno: dare più risonanza e visibilità all’evento, in modo da coinvolgere un target più ampio possibile.
Anche un pubblico trasversale poteva infatti essere un portatore di interessi: non solo i ragazzi e le loro famiglie, ma anche tutti coloro che sono costantemente a contatto con i ragazzi potevano proporsi autonomamente per cercare di arginare il fenomeno del disagio giovanile.

L’impresa è riuscita: dalle rassegne stampa sono nati 5 articoli sulla cronaca locale (il Corriere Adriatico, il Resto del carlino etc) e 5 articoli su quotidiani online del territorio marchigiano (Picchio News, Cronache Maceratesi, Cronache Fermane e Riviera Oggi), che hanno portato numerosi enti, associazioni sportive e oratori di zona a interessarsi a questa delicata problematica.

 

In molti hanno chiesto maggiori delucidazioni su come partecipare ai tavoli di impatto collettivo, e siamo stati piacevolmente stupiti da una risposta così propositiva anche da parte degli enti non inizialmente coinvolti.

Abbiamo quindi dato il vero calcio d’inizio del progetto a inizio Novembre, iniziando a collaborare con le scuole per attivare i vari laboratori e corsi in programma.

 

I primi interventi operativi

Per prima cosa siamo partiti dal liceo Classico Giacomo Leopardi di Macerata e dall’Istituto scolastico in Via Ugo Bassi di Civitanova Marche, avviando le seguenti attività: Metodi, Sportello di Ascolto, Coaching e Info Job.
Questi incontri erano il punto di partenza su cui iniziare a strutturare l’intero programma: si tratta infatti di attività “civetta” del progetto G.O.A.L.S., che comprendono il potenziamento scolastico degli studenti, il loro supporto psicologico e una modalità di orientamento scolastico e lavorativo.

Anche a Fermo le attività hanno preso il via, grazie alla collaborazione con l’Oratorio San Carlo di Fermo, partner di progetto.
Qui il sostegno di Don Michele è stato davvero fondamentale: da anni l’oratorio è un punto fermo per i ragazzi del quartiere, e utilizzarlo come sede per le nostre attività è stata la mossa vincente per coinvolgere ragazzi di ogni età, attirando tutti gli istituti scolastici di Fermo in una sinergia propositiva e vincente.

L’obiettivo di tutte le attività in programma è infatti quello di fare “rete” attorno ai ragazzi, sensibilizzando l’intera comunità a un problema così complesso e delicato.

A Macerata le attività si sono focalizzate anche presso il Centro Orizzonte, con laboratori e attività dedicate ai ragazzi più fragili, come quelli con i disturbi di apprendimento o di comportamento DSA e BES.

Nel territorioni di Grottammare e San Benedetto sono state avviate le azioni Metodi, Sportello di ascolto per ragazzi e famiglie, helpme-educativa di strada, il coaching 1-2° grado, batti 5 genitori e figli lab. I luoghi di intervento sono stati il Centro pomeridiano ‘La contea’ e la scuola libera ‘Gilbert Chesterton’ di San Benedetto gestiti dalla coop. ‘Capitani coraggiosi’. A grottammare le attività hanno interessato lo spazio pomeridiano dell’Istizione Povera Costante Maria.

In questo modo abbiamo voluto coinvolgere il tessuto giovanile del nostro territorio a 360°, partendo dalle scuole ma terminando anche negli angoli più bui e tristemente isolati della società.

Per ora il nostro progetto sta espandendosi ogni giorno di più, e gli enti con cui stiamo collaborando sono piacevolmente stupidi dalla risposta propositiva dei ragazzi e delle loro famiglie.

Ora che ci avviciniamo alla fine dell’anno siamo ancora più motivati a restringere il cerchio, in modo da dare inizio a tutte le attività in programma entro l’inizio del nuovo anno.

Conferenza stampa progetto goals
Collaborazione e sinergia fra partner sono le chiavi del progetto GOALS.

Regioni

Ti potrebbe interessare

Metodi: un viaggio nelle storie dei ragazzi Maceratesi.

di

L’attività Metodi è nata come percorso di potenziamento e supporto scolastico ai ragazzi con più difficoltà, in grado di orientarli verso un...

Tavolo di impatto collettivo – Una solida rete contro la dispersione scolastica

di

Si è svolto Venerdì 13 settembre al Ricreatorio San Carlo di Fermo il ‘Tavolo di Impatto Collettivo’ del progetto G.O.A.L.S. (Giovani Orientamento,...

METODI riparte anche alla Scuola Chesterton!

di

La scuola Chesterton di San Benedetto del Tronto scalda i motori e, grazie all’azione “Metodi” del progetto Goals, ha potuto realizzare dei...