WOZAP E UNA SCUOLA POSSIBILE

di

 

Sono le 20 e 15 e siamo a tavola. Vibra il cell. E’ Fatima che invia una foto di una espressione matematica. Poi un vocale: “Plof – Fatima è una quattordicenne pakistana arrivata in Italia meno di un anno fa e pronuncia la “erre” al modo dei giapponesi – ho fatto il compito ma mi vengono numeri tanto glandi. Può contlollare se sono giusti?”. Non ho il tempo di pensare alla risposta che arriva un altro wozap. Apro, è Sara una delle ragazze che frequentano il centro pomeridiano del Donmilani2 che manda anche lei un vocale.

È una canzone in inglese, senza base, registrata da lei nel pomeriggio. Conosco Sara da un paio d’anni ma non l’avevo mai sentita cantare, la sua voce è bellissima, ogni tanto mi sembra che perda il ritmo ma trattengo il fiato dall’emozione: quanta energia, quanta vita.

Quanto valore nascosto fino ad oggi… e mentre penso a come si potrebbe, si dovrebbe valorizzare questa dote naturale, riprendo il problema di Fatima. Rispondo: “Ho visto il tuo calcolo, bene, il risultato è esatto, non preoccuparti se viene un numero grande”. Il cibo a tavola nel frattempo si è raffreddato, lo metto nel microonde e così ho un minuto di tempo per condensare un pensiero.

Questa è la mia vita, diciamo anche il mio lavoro. E mi domando se è anche scuola, percorso formativo, per loro. È scuola. Io, noi vediamo questi ragazzi e queste ragazze crescere settimana dopo settimana. Arrancano, alcuni hanno pesi troppo grandi sulle spalle, che certo io non saprei portare. Fanno fatica a stare dentro agli schemi previsti dalle “nostre” programmazioni didattiche, non hanno la minima idea di chi sia Garibaldi, figurarsi imparare una poesia di Carducci. Fatima e Sara come tanti loro amici che frequentano il Centro Donmilani2 di Exodus non vanno per niente bene a scuola.

I loro tragitti di vita non sono stati tranquilli come quelli dei nostri figli e i loro genitori già tanto che riescono a tenere un lavoro e non ce la fanno a stare accanto a loro nei compiti. Ma Fatima e Sara hanno così tanta voglia e capacità da spaccare le montagne, se solo diamo loro la possibilità, ne abbiamo la dimostrazione ogni giorno. Ne hanno più di molti altri loro compagni che vanno bene a scuola. E allora mi domando se non sia possibile sperare in una scuola dove Fatima non sia presa di mira perché parla male e si veste peggio, oppure Sara possa avere qualcuno accanto che sappia rispettare almeno un poco i suoi tempi. Basta un poco perché poi lei ce la fa! Non penso a grandi rivoluzioni organizzative. Non so, magari queste verranno.

Ma a una semplice idea di scuola che rispetti chi non ce la fa a stare al passo, che sia capace di scovare e far sbocciare le poderose potenzialità nascoste nelle ragazze e nei ragazzi, senza pregiudizi, stando vicino, guardando negli occhi. Senza la smania di insegnare, anche in silenzio.

 

Bruna Dentella, educatrice Polo Exodus Gallarate 

Regioni

Ti potrebbe interessare

EDUCATORI, REMIXATE SEMPRE LE VOSTRE ABILITA’

di

Un “Laboratorio di Senso” con il pedagogista Davide Fant per gli Educatori di Exodus La società cambia e i ragazzi cambiano con...

Didattica a distanza? Molti ragazzi non hanno neanche la linea internet

di

Quali saranno le conseguenze dell’emergenza coronavirus sui tanti adolescenti che vivono in una condizione di povertà educativa? Secondo Franco Taverna, educatore e...

SE LA DIDATTICA A DISTANZA DIVENTA UN “FOCOLARE DIGITALE”

di

Gli Educatori Francesca e Pierluigi del Polo Exodus di Milano Quarto Oggiaro ci raccontano la sfida della didattica esperenziale a distanza vissuta...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK