UNA SCUOLA CHE SI ANIMA

di

Alla scuola secondaria di I grado “Francesco Lana” i ragazzi e le ragazze sono diventati i veri protagonisti! Con il progetto “Batti il 5! Progettualità comunitarie tra nord e sud”, selezionato dall’impresa sociale Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, da semplici alunni si sono trasformati in artisti e registi, usando fantasia e creatività per esprimere emozioni e sogni.

Al centro delle riflessioni di due laboratori creativi che hanno coinvolto le classi seconde ci sono due temi che stanno loro a cuore: la scuola e le relazioni, diventati ancor più importanti a seguito di un lungo periodo di assenza da questo luogo per loro così familiare e quotidiano e di distanze dai compagni di classe, amici e compagni d’avventure.

“Una giornata no…diventa sì!”, 

Questo il titolo del video di animazione in stop motion ideato, disegnato e animato direttamente dagli studenti della classe 2H con il supporto dell’Associazione Aviscoassociazione per la ricerca e la sperimentazione dell’audiovisivo. Cartoncino, forbici e colla alla mano, con un po’ di fantasia hanno realizzato i soggetti e inventato un plot: il racconto di una giornata in cui arrivano a scuola arrabbiati ma presto torna il sorriso in classe. Con semplici attrezzature come una scatola, una videocamera e un pc hanno immortalato passo per passo ogni scena, catturando gli attimi per metterli in sequenza e creare il movimento.

Così come nel video basta una frase gentile per far passare la rabbia dei compagni di classe, anche nella realtà basta una novità per dare una svolta alla noia e le giornate no dei ragazzi a scuola diventano giornate divertenti ed emozionanti, dove si impara con curiosità e lo stupore di vedersi rappresentati da un omino di carta che prende vita.

 

ANIMIAMO LE PARETI

Gli alunni delle classi 2B e 2M si sono occupati di animare le pareti della loro scuola. Attraverso un laboratorio di disegno creativo e partecipato, hanno realizzato un murale collettivo con il contributo dell’Associazione Culturale True Quality, associazione per la creatività urbana. Ragazzi e ragazze han rappresentato la scuola che vorrebbero, sognando e fantasticando: appare così sul muro del corridoio una scuola mobile, un hamburger gigante, animaletti bizzarri e un banco con l’occhio. Un agglomerato di creatività che incontreranno ogni giorno entrando in classe.

Le ragazze e i ragazzi coinvolti hanno presentato con orgoglio i loro lavori agli enti promotori del progetto e alla presenza del sindaco di Brescia Emilio Del Bono e dell’assessore alla Pubblica istruzione Fabio Capra, meravigliati dagli ottimi risultati, frutto di un grande lavoro di squadra e del coinvolgimento educativo di un’intera comunità, dai genitori agli insegnanti, ma anche da un territorio attento e generoso.

 

 

Per maggiori informazioni e approfondimento visita il sito de Il Calabrone 

 

Regioni

Argomenti

Ti potrebbe interessare

MIO FIGLIO E’ CAMBIATO – PERCORSO FORMATIVO ONLINE

di

Mio figlio è cambiato è un percorso formativo ONLINE di 3 incontri per sapere come muoversi in un’età di cambiamenti Programma 8...

LE REGOLE DELLA BUONA IGIENE

di

Tutte da leggere, guardare e canticchiare! Con la scuola che ricomincia e le tante attività all’aperto in gruppo ma sempre distanziati, non...

LA SFIDA DI BATTI IL CINQUE A LECCO DURANTE IL LOCKDOWN

di

La sfida di Batti il 5! –Progettualità comunitarie tra nord e sud per la Cooperativa la Vecchi Quercia di Lecco, durante il...