Base Camp: crescere insieme in uno spazio inclusivo

di

dav

Eventi e laboratori culturali e di cittadinanza digitale

In Base Camp, sono accadute tante cose veramente incredibili in questi primi 5 mesi.

Il nostro partenariato, guidato dal CESIE e composto da Laudes, Centro Calabrese di Solidarietà, Dedalus, Parsec e MED, ha animato i quattro Base Camp proponendo un calendario fitto di eventi e attività che hanno reso i pomeriggi più dinamici e più divertenti per tante e tanti giovani dei quartieri Albergheria di Palermo e Santa Maria di Catanzaro, del rione Luzzatti Ascarelli di Napoli e della zona Tufello di Roma.

Gli eventi nazionali, grazie al lavoro congiunto degli animatori e delle animatrici culturali delle quattro città, hanno visto la partecipazione di ospiti di rilievo che hanno dato interessanti spunti di riflessione durante gli incontri, animando discussioni animate e partecipate con i ragazzi e le ragazze dei Base Camp.

L’intera programmazione è ispirata agli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile e concentra la proposta di eventi e attività su quattro temi cardine: Ambiente, Cultura & Società, Giustizia e Scuola & Attualità.

 

Ogni Base Camp ha offerto esperienze uniche.

Base Camp Catanzaro

L’imprenditore Stefano Cavaccari ha incontrato studentesse e studenti a Mulinum per conoscere loro la storia di un territorio difeso dal diventare una delle discariche più grande del Meridione e in cui è stato realizzato il sogno di dar vita a una filiera di grano naturale.

Base Camp Roma

Il filosofo Lorenzo Gasparrini ha discusso sulle relazioni tra maschile e femminile, le ingiunzioni sociali e culturali e le discriminazioni che anche involontariamente attraverso il linguaggio vengono attuate.

Base Camp Napoli

La scrittrice e storica Vanessa Roghi ha parlato con i ragazzi e le ragazze di scuola, attraverso i capitoli del suo libro Voi siete il Fuoco. Storia e storie della scuola.

Base Camp Palermo

Il videomaker e documentarista Igor D’India ha raccontato in modo coinvolgente il suo lavoro come outdoor filmmaker dimostrando quanto è importante documentare per contribuire alla tutela del nostro ambiente.

In Base Camp, ascoltiamo i giovani e le giovani coinvolte mettendo al centro delle nostre azioni i loro bisogni e i loro desideri educativi.

Grazie alla somministrazione in tutte le sedi Base Camp di un questionario elaborato appositamente sul nostro contesto di azione, abbiamo lavorato insieme a livello nazionale per definire una programmazione che rispondesse pienamente ai bisogni e ai desideri rilevati.

Si è avviato il rilevamento dei bisogni a Palermo, a Catanzaro, a Napoli e a Roma a partire da aprile 2022 e i 598 questionari raccolti sono stati di grande utilità per la programmazione delle prime attività di animazione territoriale già a partire da maggio 2022.

Di rilievo;

  • il laboratorio di promozione della lettura attraverso il cooperative learning al Base Camp Napoli che ha preceduto l’incontro con Vanessa Roghi;
  • il laboratorio di giocoleria mirato ad una migliore accettazione di sé al Base Camp Roma;
  • il laboratorio espressivo sull’educazione ambientale al Base Camp Palermo che è stato seguito dall’incontro con Igor D’India;
  • il laboratorio di progettazione partecipata La scuola che tu formi al Base Camp Catanzaro, grazie al quale tutti gli studenti sono stati coivolti attivamente nella realizzazione del nuovo spazio Base Camp, co-progettando gli interventi di abbellimento degli spazi dedicati presso la scuola sede del Base Camp che si avvieranno entro l’autunno prossimo.

Il nostro impegno è stato ricompensato con un’alta partecipazione: sono circa 270 le studentesse e gli studenti che, fino a luglio 2022, hanno scelto di vivere una nuova esperienza formativa e di socialità partecipando alle diverse attività proposte nei quattro Base Camp e agli eventi di respiro nazionale.

 

L’approccio Base Camp pone il coinvolgimento attivo alla base delle sue azioni fin dalla loro pianificazione.

Il primo webinar nazionale sul Cyberbullismo, infatti, è frutto di una coprogettazione, coordinata da MED e dal CESIE, per la quale si è costituita una cabina di regia che include tutti gli animatori e le animatrici digitali dei quattro Base Camp, e che porterà a un calendario eventi di rilievo nazionale.

Il webinar  del 26 maggio, seguito contemporaneamente online da quattro classi, una per ciascun Base Camp, ha fornito ai giovani partecipanti la base informativa e le conoscenze necessarie per essere parte attiva nelle attività i gruppo svolte in seguito in presenza e insieme agli animatori. Al termine del webinar si è aperto uno spazio di discussione che ha consentito a ciascuna classe di restituire in sessione plenaria quanto emerso condividendo insieme, in quattro città differenti, un’interessante esperienza di apprendimento.

Base Camp ha ancora molto in serbo! Ripartiremo a settembre, con altre nuove interessanti avventure.

Ti potrebbe interessare

Urban Metro Game – Laboratorio alla scoperta della città

di

Al Base Camp di Napoli sta per partire Urban Metro Game! In continuità con la scoperta e riscoperta del territorio, la sua...

Cyberbullismo e identità online: Webinar di sensibilizzazione sulla cittadinanza digitale

di

Il MED, che si occupa di formazione e ricerca nell’ambito della Media Education, guiderà il primo Webinar sulla Cittadinanza digitale previsto dal...

Base Camp Roma cerca professionista per servizio di educazione personalizzata

di

Nell’ambito del progetto Base Camp – Presidi educativi Territoriali, la Cooperativa Sociale Parsec cerca un professionista da inserire all’interno di un servizio...