Affido Culturale a Roma tra le Buone Pratiche 2020

di

Affido Culturale sarà presente il 26 ottobre, attraverso la delegazione di Roma, a LE BUONE PRATICHE DEL TEATRO – OLTRE LA CITTÀ. CULTURA, TERRITORI, COMUNITÀ a cura di ATeatro – webzine di cultura teatrale e Teatro Biblioteca Quarticciolo.

L’invito è stato rivolto a Casa dello Spettatore, gruppo romano del progetto, che presenterà le attività di Affido Culturale a Roma. Questa è sembrata un’occasione importante per ribadire l’importanza del teatro come fattore di aggregazione e di costruzione di senso sul territorio.

A partire dal teatro, Casa dello Spettatore intende costruire grazie anche ad Affido Culturale a Roma un dialogo costante con le altre realtà che promuovendo la fruizione condivisa di cultura e arte, concorrono alla costruzione di una comunità educante.

Cosa sono le Buone Partiche

L’appuntamento delle Buone Pratiche  torna a Roma dopo cinque anni e si propone di mettere a fuoco il tema dal punto di vista economico, sociologico, urbanistico, dei linguaggi e del rapporto con le tecnologie.

Attraverso una serie di testimonianze e riflessioni, Oltre la città. Cultura, territori, comunità, vuole provare a individuale una serie di “buone pratiche” in un settore che sta manifestando notevole vitalità e che ha anche l’obiettivo di attivare comunità e cittadinanza.

Le Buone Pratiche del Teatro sono un progetto a cura di Mimma Gallina e Oliviero Ponte di Pino. Dal 2004 rappresentano un’occasione di incontro, riflessione e confronto sulla situazione dello spettacolo dal vivo nel nostro paese.

Da sempre il cuore del progetto sono le “buone pratiche”: progetti, iniziative o attività innovative, che possono essere allargate con varie forme di rete o aggregazione o replicate in altre situazioni e realtà.

Buone Pratiche è un’occasione preziosa per alimentare la consapevolezza sul ruolo della cultura come strumento di riqualificazione territoriale, di integrazione sociale, di consapevolezza individuale e collettiva, di formazione e educazione.

Le esperienze che vanno in questa direzione investono i tradizionali presidi culturali, i festival e gli spazi di nuova concezione nelle aree urbane e nei piccoli borghi o nelle “aree interne”.

I progetti selezionati dalle Buone Pratiche sviluppano creatività e modalità operative inedite, basate sull’attivazione e sulla partecipazione dei cittadini e rappresentano degli esempi concreti su come tenere in equilibrio gli obiettivi sociali e quelli estetici con le ricadute politiche degli interventi.

La pandemia da Covid 19 ha posto sotto una nuova luce le esperienze e le pratiche “di prossimità” evidenziando nuove problematiche relative agli effetti di medio e lungo periodo che riguardano anche l’integrazione con le nuove tecnologie, la valutazione d’impatto, le difficoltà nel rapporto con le istituzioni.

Regioni

Ti potrebbe interessare

Cacce al tesoro e avventure urbane per le famiglie di AC Roma con Foxtrail

di

Roma sembra costringerci, a volte, a delle cacce al tesoro poco divertenti, tra traffico e burocrazia. Affido Culturale, progetto nazionale selezionato da Con...

Affido Culturale per non dimenticare: un viaggio nella Giornata della memoria

di

Affido Culturale è un progetto nazionale selezionato da Con i Bambini. Tra i valori perseguiti, c’è l’inclusione sociale e la volontà di...

L’educazione non va in vacanza: i centri estivi per Affido Culturale a Roma

di

L’offerta di Affido Culturale a Roma si arricchisce delle convenzioni con tre centri estivi in tre diversi municipi della città. I centri...