Imparare l’italiano e non solo

di

Nell’ambito di  “ Genova- Un ponte verso il futuro”, progetto selezionato dalla fondazione “ Con i bambini” per contrastare la povertà educativa minorile,  ha un successo davvero significativo il laboratorio di italiano per mamme straniere: sono tutte di nazionalità araba tranne una ragazza brasiliana.

Le lezioni tenute dall’educatrice Chiara Longo si tengono ogni  martedì e venerdì a Villa Ronco a Sampierdarena dalle 10.00 alle 12.00.

“ Dalle due iscritte della prima edizione del laboratorio nel 2021 siamo  arrivati a 20 con una  media di una decina di  partecipanti ogni volta.  Durante il laboratorio si impara a leggere e scrivere con le basi di italiano e grammatica. Cerco- dice Chiara Longo– di dialogare con loro anche in modo più informale aiutandole a compilare documenti che sono utili per la vita di ogni giorno.”

Sono persone estremamente motivate perché imparare l’italiano, in maniera sufficientemente corretta, è l’unico modo per integrarsi davvero.

All’interno delle case, ed all’esterno con i  loro connazionali, parlano solo la lingua di origine: con i figli iscritti a scuola hanno la necessità di interagire in modo più consapevole soprattutto con  i docenti ed in generale con i rappresentanti delle istituzioni.

Risiedono nel quartiere più popoloso di Genova, quello che fa registrare una delle percentuali più alte di stranieri in città.

Il corso di italiano, gestito dalla Cooperativa sociale Lanza Del Vasto esiste fin dalla nascita del progetto “ Genova- Un ponte verso il futuro” ed è stato pubblicizzato attraverso un volantino, via social ma lo strumento più efficace di comunicazione, come spesso avviene nonostante esperti di marketing pensino il contrario, risulta il passa parola.

“ Con le mamme organizzo anche il laboratorio di sartoria, coinvolgendole anche in   momenti di comunità educativa e scambi culturali  che tengano conto- sottolinea Chiara Longo– del loro vissuto“ .

A questo proposito dopo la lezione di venerdì scorso le ragazze  arabe hanno offerto un pranzo- merenda con cibi tipici della loro tradizione culinaria, prevalentemente marocchini: è stato uno splendido momento di condivisione al quale hanno partecipato con  simpatia e gioia, vista la quantità delle prelibatezze sul tavolo, anche  quasi tutte le persone che in quel momento si trovavano a Villa Ronco.

Regioni

Ti potrebbe interessare

Couscous in amicizia

di

Davvero una splendida iniziativa quella delle dieci mamme di nazionalità e cultura araba, la maggioranza di origine marocchina, che frequentano il corso...

Un dopo scuola per l’inclusione

di

Tre ore di dopo scuola gratuito al pomeriggio per i ragazzi delle scuole medie di Sampierdarena dal lunedì al venerdi in un...

Progetto spiegato ai genitori

di

E’ stato davvero un proficuo momento di incontro quello che si è svolto in un’aula dell’Istituto Don Bosco di Sampierdarena fra alcuni...