“Respect” il murales realizzato dalle ragazze e dai ragazzi del progetto TRAP ad Avola

di

Un murales per rappresentare il rispetto, l’accoglienza, l’apertura, una prospettiva di felicità, è stato realizzato ad Avola dalle ragazze e dai ragazzi in carico alla giustizia minorile, nell’ambito del progetto TRAP.

Il Progetto TRAP – Tutt* Rivendichiamo Altre Prospettive, selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, con capofila Arci Catania, in provincia di Siracusa vede la partecipazione delle associazioni ARCI Siracusa e Accoglierete.

Il progetto intende realizzare un modello educativo innovativo sul piano metodologico in grado di contrastare sul lungo termine il fenomeno della devianza giovanile e affiancare il lavoro degli USSM Uffici di Servizio Sociale per Minorenni della Giustizia Minorile. L’obiettivo è potenziare il rapporto con la comunità di quei minori che vengono espulsi dai sistemi educativi e condotti ad atteggiamenti devianti dalle condizioni sociali e culturali nelle quali vivono. L’obiettivo è creare nuove prospettive, fare incontrare nuovi contesti e nuove opportunità.

Dal mese di dicembre ad Avola (SR) presso la sede dell’associazione Aquanuevena si è svolto il laboratorio “ STRAPPI QUOTIDIANI”, volto promosso dal centro cooperante di Siracusa del progetto TRAP. Destinatari del laboratorio sono stati adolescenti, dai 14 ai 17 anni e giovani, fino ai 21 anni, segnalati dall’Autorità Giudiziaria minorile e già in carico agli USSM.

Il laboratorio è stato curato da Eleonora Gennaro e Salvo Corso. educatori del progetto TRAP, con la collaborazione dell’artista Marcos Fernando Donascimento, che ha curato gli aspetti tecnici insegnando ai giovani partecipanti tecniche di streetart. Il laboratorio ha avuto come tema il rispetto e le differenze di genere. Le ragazze e i ragazzi partecipanti hanno riflettuto sui temi del rispetto, dal rispetto di genere, tema da cui sono partiti, al rispetto verso tutte le differenze di etnia e religione. Il laboratorio si è svolto grazie alla disponibilità dell’associazione Aquanuvena che ha ospitato gratuitamente il laboratorio presso la sede di Via Cavour ad Avola.

A conclusione del laboratorio i ragazzi insieme all’artista hanno realizzato un murales in Viale Piersanti Mattarella, nel Comune di Avola. Il murales è riuscito a rappresentare tutte le questioni toccate durante il laboratorio.

Il murales è stato realizzato grazie alla collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Avola, che ha concesso la possibilità di utilizzo dello spazio pubblico. In particolare è stata essenziale la sensibilità dell’Assessora alle politiche sociali Valentina Di Rosa e del Sindaco Rossana Cannata, condivisa con tutta la Giunta.

Si è trattato di un lavoro di squadra che ha permesso di consegnare nuove prospettive alla comunità. Da oggi sarà possibile ammirare il lavoro delle ragazze e dei ragazzi, si potrà vedere il frutto del loro impegno, della loro arte. Grazie a loro Avola ha uno spazio più denso di significati, più denso di colori.

Regioni

Ti potrebbe interessare

“Qualcosa di cui andare orgogliosi”

di

Si chiama TRAP, “come la musica di moda tra i giovani, che parla spesso di raggiungere una condizione economica di lusso con...

“Per cambiare rotta serve la possibilità di indossare vestiti diversi”

di

di Adriana Sicilia Arci Catania è capofila del progetto TRAP, selezionato da Con i Bambini nell’ambito del fondo per il contrasto della...

Radio Trap: Prospettive #01

di

La prima puntata di Prospettive su Radio Trap. Matteo e Cristian sono gli opinionisti di questa puntata. Si parla di cambiamenti climatici,...