SECONDO WORKSHOP NAZIONALE: A ROMA, UN ALTRO GRANDE PASSO AVANTI DEL PROGETTO

di

Il secondo workshop annuale del progetto Scacchi Metafora Educativa, svolto a Roma dal 16 al 18 dicembre, ha ottenuto i risultati previsti riuscendo a sciogliere alcuni nodi organizzativi, di rendicontazione e monitoraggio ma soprattutto a calendarizzare il programma 2022 che sarà pubblicato entro la fine dell’anno.
“Sono molto soddisfatto – ha dichiarato il responsabile del progetto Andrea Bruni – perchè i referenti regionali hanno dimostrato una attenta capacità di collaborazione tra il livello locale e quello nazionale mettendosi in gioco nelle attività proposte e condividendo le sintesi finali. La stessa mia soddisfazione è quella ricevuta dai referenti regionali che hanno concluso con una dichiarazione personale la tre giorni di lavori”. 
Nella tre giorni di Roma, aperta da Andrea Bruni e da Alessandro Dominici, coordinatore nazionale del progetto,  sono state svolte attività in aula con i componenti del Gruppo sostegno alla genitorialità Santoni, Pietroluongo, Frasson, con i quali sono state approfondite le attività che si svolgeranno a favore dei genitori nelle 14 regioni coinvolte dl progetto. Molto interessante è stata la gestione del lavoro sulla formazione per i formatori condotta dall’esperto esterno Lando Cruciani, che ha condiviso un percorso dalla consapevolezza individuale alle tecniche di gestione dell’aula.
La parte che ha accesso di più l’entusiasmo dei partecipanti, è stata la conferenza degli insegnanti di scacchi sul modello di attività per la scuola media, che ha consentito a tutte le sedi di relazionare in presenza oppure online sulla sperimentazione della prima bozza di lavoro elaborato e verificato in aula con i giovani delle scuole. In questa sezione hanno parlato Luigi Caggiano (Basilicata), Giovanni Spina (Calabria), Domenico Bonavena (Roma), Michele Santeramo (Puglia), Marco Pelagalli (Marche), Silvia Cimei (Umbria), Daniele Lapiccirella (Lombardia), Giulia Tonel (Friuli V.G.), Sebastiano Paulesu (Sardegna), Francesco Lupo (Sicilia), Alessandro Dominici (Piemonte). Nella stessa giornata si è anche definito il programma per i viaggi della legalità e del contrasto alle mafie che si svolgeranno a partire dalla prossima primavera con il coordinamento di Antonio Manganiello.  Anche la parte assicurativa delle attività è stata trattata dal vice presidente nazionale CSEN e capofila del progetto, Giuliano Clinori.
Anche il tema della comunicazione è stato affrontato con il Responsabile di settore, il giornalista Federico Pasquali, del monitoraggio con Marco Di Gennaro, della rendicontazione con Luca Gallina, che hanno avuto uno spazio di approfondimento utile a chiarire alcuni aspetti della parte operativa.
I prossimi appuntamenti saranno nelle aule delle 32 scuole partner del progetto per la seconda annualità delle attività di scacchi educativi in classe e l’apertura dei 28 club di scacchi nei Comuni coinvolti dal progetto.

Ti potrebbe interessare

FORMAZIONE SME: IN UMBRIA UN NUOVO CORSO PER DOCENTI

di

IL TEMA: “CRESCERE CON GLI SCACCHI ACQUISENDO COMPETENZE TRASVERSALI” Il gioco degli scacchi come strumento per insegnare competenze trasversali ai più giovani....

IN UMBRIA, PARTITI I CORSI IN 18 CLASSI

di

In Umbria sono partite in coincidenza con l’inizio del nuovo anno scolastico tutte le attività previste dal progetto. I tre tecnici, Sergio...

Genitore stupefacente! Uso e abuso di alcool e –sostanze- in età adolescenziale

di

GENITORE STUPEFACENTE! Uso e abuso di alcol e “sostanze” in età adolescenziale Di fronte ai sospetti di consumo di alcol o di...