IRENE ’95

di

La cooperativa sociale Irene ‘95 nasce nel 1994 per iniziativa della Caritas–delegazione regionale della Campania, quale segno concreto della volontà di operare con e per gli immigrati e tutte le persone in difficoltà.

Nel corso degli anni è andata sempre più identificando il proprio contesto territoriale di riferimento (il territorio capuano prima e quello della provincia est di Napoli in seguito) e specializzando le proprie attività nell’ambito dei servizi e progetti per le famiglie e i ragazzi in difficoltà.

Dopo aver operato a lungo anche sul territorio cittadino di Napoli, trasferisce in un primo tempo la sua sede legale a Pomigliano d’Arco, dove è impegnata a lungo nell’animazione con i minori “a rischio” dei quartieri più degradati del territorio dell’Ambito Sociale, e quindi nell’attuale sede di Marigliano. Le sue attività si svolgono quasi esclusivamente nella provincia est di Napoli, ad eccezione di alcuni progetti nazionali.

Oggi la cooperativa gestisce due comunità educative a dimensione familiare (Casa Irene e Casa Momo), un Centro per le famiglie (Irene), un Centro Polifunzionale Diurno -Educativa Territoriale (Facciamo Centro), un servizio di assistenza domiciliare anziani e disabili, un servizio di assistenza specialistica nelle scuole, diversi progetti/servizi di animazione territoriale per la Comunità Educante.

 Fin dal suo inizio, la cooperativa è impegnata sul fronte dell’accoglienza, protezione, tutela e cura di bambini e ragazzi segnati dal maltrattamento, dall’incuria, dalla grave trascuratezza da parte dei genitori, dalla violenza e dall’abuso. Un lavoro educativo, di tutela e di cura fondato sulla costruzione di relazioni per realizzare nuovi progetti di vita.

Inoltre, attraverso il suo Centro per le Famiglie IRENE, la cooperativa offre al territorio un servizio integrato a sostegno delle responsabilità genitoriali: un luogo in cui le persone possono trovarsi per esplicitare bisogni, progettare attività, sviluppare relazioni, nell’ottica della promozione del benessere in famiglia in una dimensione comunitaria. Esso è altresì un centro specialistico di cura per ragazzi e famiglie in condizioni di disagio sociale, psicologico e relazionale, in ogni fase del loro ciclo di vita. Il Servizio si avvale di un’equipe multi-specialistica e integrata.

Nell’ambito del progetto RESTART Irene ’95 sarà direttamente impegnata, oltre che nelle azioni di sistema (direzione, coordinamento, monitoraggio…) e in quelle trasversali, nelle seguenti attività:

  • Valutazione, supporto e cura:
    • rilevazione/riconoscimento delle situazioni di rischio o danno;
    • équipe specialistica che lavora in integrazione con tutti gli altri operatori all’interno di un progetto più ampio di valutazione supporto e cura che integra la dimensione psicologica con quella educativa e relazionale
  • Sostegno genitoriale: programmi di Home Visiting: intervento di sostegno alla genitorialità con visite domiciliari per la costruzione del legame di attaccamento e il sostegno nelle forme di accudimento
  • Rafforzamento della comunità educante:
    • promozione di una Child Safeguarding Policy, sistema di tutela basato su standard minimi nazionali e internazionali
    • “Come i porcospini”: laboratori con bambini, genitori e insegnanti per la prevenzione primaria e secondaria di condotte pregiudizievoli

Regioni

Ti potrebbe interessare

Prendersi cura degli operatori che si prendono cura delle famiglie

di

Attraverso una serie di incontri svoltisi tra il mese di marzo e di maggio, nell’ambito delle attività di sensibilizzazione e formazione degli...

RESTART: AZIONI PER RICUCIRE I SOGNI

di

Il progetto RESTART si colloca all’interno del bando Ricucire i sogni, il cui obiettivo è identificare delle azioni di sistema e delle...

L’ORSA MAGGIORE

di

L’Orsa Maggiore è una cooperativa sociale, costituita a Napoli nel 1995, composta prevalentemente da donne, con la finalità di contribuire alla costruzione...