Padre e figlio legati dall’amore per il teatro raccontano l’emozione vissuta con Panthakù

di

Da trentasette anni fa l’attore. E quando sul palcoscenico, per la prima volta, ha visto suo figlio Luca nei panni di Sancho Panza, l’emozione è stata duplice.

Leandro Cioffi è uno dei tanti papà che hanno preso parte alla messa in scena di “Le avventure di don Chisciotte”, una rielaborazione teatrale del celebre testo di Miguel De Cervantes a cura di Carla Avarista e Virna Prescenzo, curatrici del laboratorio tenuto presso la scuola Montalcini di Salerno grazie al progetto “Panthakù. Educare dappertutto”, selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile.

IC Montalcini con Panthakù e Piccolo Teatro del Giullare

Diceva Mariangela Melato che recitare è un bisogno, come quello di amare. E piano piano, lezione dopo lezione, tra parola scritta e parola narrata, coreografie e scene, i teen alunni dell’istituto scolastico hanno imparato ad amare il palcoscenico e a capire che per salirvi sopra è necessario fare sacrifici, ma che poi tenacia e passione ricompensano il lavoro fatto.

Il Don Chisciotte dell’IC Montalcini di Salerno, realizzato grazie ad Ai.Bi. e al Piccolo Teatro del Giullare, visto da Leandro e Luca

“E’ stato un successo – spiega papà Leandro – Ho visto mio figlio laddove solitamente ci sono io. E da genitore non ho potuto non cogliere l’impegno dei ragazzi che sono stati bravissimi sia a recitare che a muoversi sulla scena. Hanno ricordato a puntino le loro parti, hanno tenuto il ritmo, senza cedere a incertezze e titubanze. E chi fa questo lavoro sa bene che non è facile, soprattutto quando si è alle prime armi ed è difficile tenere a bada l’ansia o la timidezza”.

Panthakù con AiBi e Piccolo Teatro del Giullare

Invece i quattordici allievi sono stati all’altezza delle aspettative e le hanno addirittura superate, offrendo una messa in scena ricca di spunti di riflessione. “Mi sono divertito molto – racconta Luca, undici anni, alunno della prima media – Quando ho saputo che c’era la possibilità di fare teatro mi sono incuriosito e da novembre ho iniziato a frequentare gli incontri. Mi è piaciuto molto fare le prove e vedere come, giorno dopo giorno lo spettacolo prendeva corpo. Eravamo tutti molto emozionati, però alla fine è andata bene”.

Influenzato dal papà attore? “No – spiega Leandro – Non l’ho minimamente forzato, è stata una sua scelta”. Se poi buon sangue non mente lo dirà il futuro: per ora la “prima” di Luca e dei suoi compagni è stata un successo. E il futuro potrà riservare ancora tante sorprese.

 

Regioni

Ti potrebbe interessare

Piccolo Teatro del Giullare e Campania Danza tornano nelle stanze degli alunni di Panthakù

di

Dai ricordi di una giovane alunna dell’IC Calcedonia, uno sguardo al nuovo percorso artistico al via da mercoledì 17 marzo   Metti...

Fare squadra in piscina con Panthakù. In quattordici al lavoro per imparare i segreti della pallanuoto con la Rari Nantes Salerno

di

Primo Ricci: “Il nostro obiettivo è riuscire a portarne qualcuno nelle giovanili”   Sono tredici delfini e una sirenetta, 13 provenienti dall’istituto...

Kesia Ricco della Montalcini di Salerno in prima linea nelle videolezioni di hip hop di Panthakù

di

L’hip hop mi ha regalato tanti sorrisi durante il lockdown Kesia Ricco è una ragazzina vivace. Vivace e felice. Le videolezioni di...