Gli alunni del Denza scaldano i motori per il triangolare natalizio di dodgeball

di

Lunedì 16 dicembre la sfida tra gli esordienti under 11 vedrà impegnati i ragazzi di Panthakù capitanati dal CSI

 

L’appuntamento è per lunedì 16 dicembre, quando gli alunni dell’istituto comprensivo Denza di Castellamare di Stabia si sfideranno nell’ambito del primo triangolare natalizio di dodgeball.

Dalle 17 alle 19, tutti a fare il tifo per i teen alunni  che, allenati da Mattia Helio Federico, seguono il corso promosso nell’ambito del progetto “Panthakù. Educare dappertutto”, selezionato dall’Impresa Sociale Con i Bambini nell’ambito del Fondo contro la povertà educativa minorile, e coordinati, per il settore sportivo, dal Csi.

“Abbiamo iniziato i corsi a metà ottobre – spiega Alessandro Martone – ed i ragazzi si sono subito entusiasmati. Sono molto contenti di questo torneo natalizio, che sarà l’occasione per dimostrare alle loro famiglie e ai loro compagni quello che hanno imparato fino a questo momento, ma anche un modo per divertirsi insieme”.

Dodgeball Panthakù

Ma che cos’è il dodgeball? Alla lettera significa palla schivata, nello specifico è uno sport di squadra che nasce come evoluzione agonistica della palla avvelenata. Solitamente si gioca in sei contro sei, con cinque palloni. A inizio partita i palloni sono situati al centro della “dead zone”, fascia di 60 cm che divide le due aree di gioco, equamente distanziate; i giocatori invece sono fermi dietro la propria linea di fondocampo, pronti a partire quando l’arbitro fischia l’inizio della partita per accaparrarsi il maggior numero di palloni prima degli avversari. Il numero di giocatori che possono correre per aggiudicarsi un pallone è pari al numero dei palloni in campo. I restanti giocatori entrano in campo al seguito del fischio di inizio.

L’obiettivo del gioco è quello di eliminare tutti i giocatori della squadra avversaria, o terminare il gioco con un numero di giocatori in campo maggiore rispetto alla squadra avversaria.

Dodgeball Denza

Ma perché questo sport poco diffuso piace tanto? Innanzitutto perché tra i vari oggetti ed attrezzi che possono essere utilizzati nei vari sport, la palla è lo strumento che maggiormente può essere interpretato in maniera polivalente, stimolando varie abilità e vari distretti corporei. La palla, in effetti, è un centro di interesse universalmente riconosciuto, qualunque sia la cultura, l’età e la struttura sociale.

Poi perché come tutti gli sport di squadra insegna ai ragazzi un valore fondamentale: l’importanza del fare rete, del fidarsi e dell’affidarsi, strizzando un occhio al sano agonismo. E a una competizione che, se incanalata nei giusti binari, è fondamentale per crescere e migliorarsi dando il meglio delle proprie possibilità.

Regioni

Ti potrebbe interessare

La psicologa Lucia Ciaramella di Ai.Bi. racconta il percorso di Panthakù con le famiglie durante il lockdown

di

Siamo franchi. A chi non è capitato, nei giorni del lockdown, di vivere come su un’altalena, alternando momenti di quasi euforia dedicata...

Rileggere Oscar Wilde con i Lego? Si può, grazie agli insegnamenti di Panthakù

di

La Prof. Maria Rosa Ranchino dell’IC Principe di Piemonte porta in classe l’esperienza con l’Associazione Vela, partner del progetto di Ai.Bi. Insegnare...

Grazie alla webradio di Panthakù mia figlia Giorgia ha imparato a rispettare gli impegni

di

Morena Scutaro: i ragazzi si sono incontrati on line ogni settimana per programmare servizi e interviste   Una delle sue principali preoccupazioni...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK