A Salerno con Panthakù si va a lezione di beauty, cucina e pasticceria con quattro Lady dell’artigianato locale

di

Successo per i laboratori tenuti dalla Cna di Salerno presso le scuole Calcedonia e Rita Levi Montalcini

Quello di Albert Einstein (“la creatività è contagiosa, trasmettila”), è diventato un motto virale. Perché al suo interno contiene due parole chiave che non possono non andare a braccetto: la creatività e il suo forte potenziale di contagio.

Lo sanno bene gli alunni delle scuole secondarie di I° grado Calcedonia e Montalcini di Salerno che grazie al progetto “Panthakù. Educare dappertutto”, sostenuto dall’Impresa Sociale Con i Bambini e con capofila Ai.Bi. Amici dei Bambini, hanno potuto prendere parte a tre laboratori promossi dalla Cna per far entrare il mondo dell’artigianato a scuola e per raccontare ai più giovani il dietro le quinte di alcuni mestieri che potrebbero, un domani, garantire loro una forma di occupazione più che rispettabile.

Beauty, cucina e pasticceria sono state le tematiche intorno alle quali sono state costruite tre distinte attività che hanno saputo coinvolgere gli studenti in un percorso allo stesso tempo formativo e divertente, grazie alla presenza di quattro imprenditrici straordinarie che si sono poi trasformate in preziose confidenti.

In scena alla Montalcini c’è stata Loretta Capaccio, estetista, titolare del centro “Sole e non solo” di Fisciano. “Loretta è stato un angelo custode per le ragazzine – racconta Simona Paolillo, responsabile area formazione e progettazione della Cna di Salerno presieduta da Lucio Ronca – Oltre alle lezioni di trucco, ha lavorato molto sul concetto di bellezza, spiegando che è inutile sovraccarsi di cosmetici quando si è così giovani, perché il vero splendore è quello interiore, legato alla freschezza e alla spensieratezza dei loro anni”.

Stage CNA beauty IC Montalcini

Armata di smalti e dispense, Loretta tra una lezione sulla cura delle mani e una sulla valorizzazione degli occhi, è stata una sorella maggiore a cui le ragazze hanno parlato delle insicurezze estetiche tipiche dell’adoloscenza, trovando in lei una consulente attenta e sensibile.

Altrettanto materna è stata zia Carmen, alias Carmen Turturiello, titolare del “Mini pastificio” di corso Garibaldi, a Salerno. Qui una dozzina di allievi degli istituti Montalcini e Calcedonia hanno potuto cimentarsi ai fornelli, scoprendo come si preparano i piatti della tradizione, dai fusilli alle polpette, dalla lasagna tradizionale alla sua variante vegana. Attraversando focus specialistici sull’Hccp e la racconta differenziata, zia Carmen ha concentrato la sua attenzione sulla scelta delle materie prime, dei prodotti naturali e di quelli indispensabili per la salute del corpo, spingendo i ragazzi a “interrogare” le loro nonne, per condividere ricette e segreti e sperimentare un modo nuovo di fare cucina.

Stage CNA cucina IC Calcedonia

“I mini chef sono stati entusiasti – commenta Paolillo – Hanno imparato tante cose importanti e si sono appassionati alla cucina. Inoltre hanno potuto degustare delle prelibatezze che poi hanno fatto assaggiare alle loro famiglie”.

Stage CNA cucina IC Montalcini

Gola e gusto sono state le parole d’ordine del laboratorio di pasticceria curato, presso gli spazi della scuola Calcedonia, da Lucia e Carmen Impemba del biscottificio “Nonna Lucia” di Capaccio. Mamma e figlia, armate di tanta pazienza e sorrisi, hanno portato tra i banchi gli attrezzi del mestiere, per spiegare ai ragazzi come nasce un dolce che poi arriva in tavola, quali sono gli ingredienti da usare, come miscelarli e come regolarsi sui tempi di cottura. Grazie a una chat su WhatsApp, poi, i partecipanti hanno potuto cimentarsi a casa, con l’aiuto delle loro famiglie, nella realizzazione di panettoni, torte all’ananas, cookies, muffin ed altre ghiottonerie le cui foto sono state valutate e analizzate dalle esperte.

Stage CNA pasticceria IC Calcedonia

“Abbiamo avuto delle donne straordinarie che hanno lasciato un segno nel percorso degli alunni – spiega la responsabile area formazione e progettazione Cna – Soprattutto, sono state abili nel far passare un messaggio importante: questi non sono lavori di serie B come qualcuno tende a pensare. L’artigianato ha una storia e una tradizione e chi opera nel comparto è un imprenditore a tutti gli effetti, a timone di aziende che movimentano l’economia dei territori. Percorsi che un domani i ragazzi potrebbero decidere di intraprendere”.

Regioni

Ti potrebbe interessare

Il kit del docente resiliente di Panthakù presentato il 4 maggio

di

Marta Peruzzini e Maria Vittoria Lanzara illustreranno i risultati di un’attività che ha coinvolto i docenti durante la fase del Covid  ...

Cavatelli ai sapori dell’orto con il laboratorio di Panthakù

di

Appuntamento martedì 15 giugno con la regina dei fornelli Carmen Turturiello   Sul fatto che siano buoni e che piacciano a grandi...

Cos’è l’educazione all’immagine? Gli alunni di Panthakù lo hanno scoperto con Salvatore Di Vilio

di

Entusiasti e appassionati i giovani studenti dell’IC Principe di Piemonte di S.Maria Capua Vetere che hanno partecipato al laboratorio di fotografia della...