Scheda Progetto

Oltre i Confini. Un modello di scuola  aperta  al Territorio

Soggetto Responsabile
C.I.D.I. di Milano

Il progetto
Il Centro di Milano ha tra le sue finalità il successo formativo degli studenti, l’inclusione e la realizzazione sociale di tutti gli adolescenti; promuove iniziative sulla prevenzione e contrasto alla dispersione scolastica, sull’orientamento e la lotta all’abbandono scolastico.
L’abbandono scolastico è un fattore spesso determinato da esclusione sociale, rischio di disoccupazione, sfruttamento e microcriminalità; altre cause di disagio personale, difficoltà specifiche di apprendimento o condizioni di disabilità influiscono in maniera rilevante sulla qualità dello stare bene a scuola; ed infine, la differenza culturale dovuta da diversa origine etnica, la scarsa conoscenza e comprensione della lingua italiana incidono notevolmente sul rendimento sopratutto se si sovrappongono a condizioni economiche di povertà e isolamento sociale.

Il territorio la rete
Tra le attività principali del progetto vi è la sollecitazione delle scuole verso un intervento che possa coinvolgere il territorio e la relativa collettività, costituita dai docenti, dalle famiglie, dagli educatori, dalle associazioni e dagli enti locali; in modo che ciascuno possa contribuire con le diverse sensibilità, a costruire e favorire la crescita inclusiva dei giovani adolescenti portatori di criticità rimuovendone le cause che a vario titolo ne impediscono la piena realizzazione personale e l’inserimento nella società.

Il sostegno e il coinvolgimento delle Famiglie
Uno dei nostri principali obiettivi è coinvolgere le famiglie; il loro contributo e la loro responsabilizzazione potrà migliorare i contesti migratori, quelli di degrado, di povertà materiale, di microcriminalità, nei quali crescono gli studenti più svantaggiati.
Le attività saranno svolte per esperienze aggregative, che possono facilitare i rapporti genitori e figli e le istituzioni scolastiche in modo da contribuire a stimolare il senso di comunità e appartenenza al territorio.

Elementi innovativi 
I Presidi educativi sono 45, uno per ogni scuola, saranno caratterizzato come spazio polifunzionale alta densità educativa, luogo di aggregazione fra scuola, attori del sociale e servizi, famiglie e studenti.
Le Scuole capofila si faranno promotrici, anche attraverso azioni di informazione e comunicazione, del coinvolgimento di tutti coloro che formano la comunità educante del territorio di riferimento, offrendo tempi e luoghi ove processi di confronto e dibattito possano avere luogo.
Le reti territoriali, nel progetto sono coinvolte 9 regioni di cui 4 al Nord (Veneto, Lombardia, Piemonte, Liguria) e 5 al Sud e nelle isole (Puglia, Campania, Basilicata, Sicilia, Sardegna).In ognuna si è costituita una rete di istituti scolastici, associazioni, enti no-profit con specifiche peculiarità territoriali; per un totale di 45 scuole e 20 operatori sociali.

Dati 
Nel progetto sono coinvolti 70 partner di cui
– 45 istituzioni scolastiche:
– 24 IC – sec. di I°;
– 21 istituti di sec. di II° grado, con una prevalenza di Istituti Tecnici e Professionali;
– 25 tra Coop, Onlus, Associazioni e Università Statale di Milano, Facoltà di Economia

organizzati in
– 9 reti presenti sul territorio nazionale riferite a 9 regioni (5 al nord e 4 al centro/sud e isole):
Rete di Imperia-Liguria; Rete Trecate/Novara-Piemonte; Rete Milano-Lombardia; Rete Voghera/Pavia-Lombardia; Rete Portogruaro-Veneto; Rete Foggia-Puglia; Rete Trapani-Sicilia; Rete Nuoro-Sardegna; Rete  Potenza/Napoli – Basilicata/Campania.

Importo deliberato
2.040.861 euro

Oltre i confini. Un modello di scuola aperta al territorio

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK