I nostri primi PEER OPERATOR

di

In questo periodo sono stati individuati i primi peer operator nella cooperativa Dedalus, a Napoli. Questa parte del percorso è per noi molto preziosa e costituisce un punto centrale che spiega bene come pensiamo e vogliamo l’educazione: alla pari, inclusiva, senza giudizio, ricca di empatia e formazione.

Questo percorso all’interno del progetto Oltre non coinvolge solo lə nostrə utentə ma anche tuttə le operatricə delle comunità, che vengono format3 al fine di comprendere perché c’è necessità di queste figure e che potenzialità hanno.
Spacchettiamo un po’ le parole per raccontarvi chi sono i Peer operator e perché sono così importanti. I peer operator sono presenti in vari ambiti: scuola, comunità di accoglienza, percorsi d’inclusione

  • PEER = PARI
  • OPERATOR = OPERATRICə

Con peer operator, quindi, s’intende una figura che ottiene un ruolo educativo all’interno della realtà in cui è/ di cui ha fatto parte: viene individuata dallə operatricə professionistə della struttura alla fine o durante il suo percorso d’inclusione.

Viene poi scelta per diventare operatorə alla pari. Viene detta “alla pari” perché è simile all3 utent3 sotto vari punti di vista: età, condizione lavorativa, status, esperienze vissute. Queste somiglianze consentono la creazione di un rapporto utentə-peer operator non replicabile da operatricə non alla pari, una comunicazione che più facilmente può essere empatica perché si basa sull’esperienza, sulla capacità di parlare lo stesso linguaggio del/la destinatario/a, sulla possibilità di trasmettere saperi e conoscenze, sulla disponibilità all’ascolto.

Per diventare peer operator è prevista una formazione che mira a sviluppare
– consapevolezza del proprio ruolo educativo
– competenze specifiche a seconda dell’area di interesse
– capacità critica rispetto a tematiche socio-politiche
Le competenze acquisite vengono poi condivise dall3 peer operator con lə utentə della struttura: sperimentano così la “peer education”, l’educazione tra pari, che prevede attività di laboratori, confronti e formazione.
L’educazione tra pari è una strategia educativa preziosa non solo per lə utente ma anche per lə peer operator: mette al centro i bisogni e la capacità di agire di tuttə le persone coinvolte.

Ecco i nostri primi peer, ve li presentiamo!

Regioni

Argomenti

Ti potrebbe interessare

O.L.TR.E. l’approdo, il progetto che aiuta i giovani migranti soli a diventare grandi

di

Per i minori stranieri soli il compimento del 18° anno di età rappresenta un drammatico spartiacque tra la tutela e l’autonomia del...

Far conoscere Napoli ai giovani stranieri, far conoscere i giovani stranieri a Napoli

di

Tra gli obiettivi di Oltre l’approdo c’è far conoscere ai ragazzi la città al di là dei luoghi tipici dei migranti. A...

UrbaNArt: Riqualificare l’ambiente per un’Europa verde e sostenibile

di

Il laboratorio “UrbaNArt” è un percorso creato all’interno del progetto Oltre l’Approdo, che coinvolge 25 ragazzi provenienti da diverse nazionalità, tra cui...