OCEANI IN COSTRUZIONE: un sistema integrato di servizi per la prima infanzia nella regione Campania.

di

La crisi post Pandemica ha evidenziato il progressivo peggioramento del dato strutturale riguardante il rischio di esclusione sociale dei minori. 

Sulla base dei dati rilasciati da Eurostat in Italia si registra un aumento di +2,6 punti percentuali della quota di minori a rischio povertà o esclusione sociale tra il 2019 e il 2021.Il dato di partenza, anche nel 2020, si collocava considerevolmente sopra la media Europea del 23,8%, con un’incidenza del 28,9% per l’Italia. Dato ulteriormente aggravato dalle disparità territoriali che interessano il nostro paese, l’incidenza di minori a rischio esclusione e in condizioni di povertà assoluta, infatti, aumenta sensibilmente per il Sud Italia. 

Il disagio economico incide profondamente sul divario educativo, poiché povertà economica e povertà educativa si alimentano a vicenda: l’accesso ridotto a risorse economiche riduce a sua volta la possibilità di accedere a risorse culturali e sociali in grado di sostenere e accompagnare percorsi educativi e di istruzione di successo. Tali presupposti non solo minano il diritto di bambini/e e ragazzi/e ad apprendere, formarsi, a sviluppare capacità e talenti, a coltivare sogni, ma riducono le probabilità che da adulti riescano a sottrarsi ad una condizione di disagio economico.

In un quadro in cui povertà ed esclusione scolastica risultano inevitabilmente interconnesse, garantire eguali condizioni di accesso e di permanenza all’interno dei percorsi scolastici, valorizzando e incrementando opportunità culturali e formative, divengono strumenti indispensabili per contrastare il disagio economico e le diseguaglianze sociali. Potenziare e migliorare l’attuale sistema educativo richiede, però, l’impegno congiunto di tutti gli stakeholders territoriali: Enti locali, istituti scolastici, servizi sociali, ETS (Enti del Terzo Settore) e cittadini. 

Il progetto Oceani in costruzione selezionato da Con i bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto alla povertà educativa minorile e promosso da TRAPARENTESI APS si pone come obiettivo l’implementazione sul territorio della Regione Campania di una proposta organica e integrata di interventi a favore della prima infanzia 0-6 anni. La finalità principale del progetto è di sperimentare e validare sul campo un modello replicabile di azioni che possano contribuire alla crescita delle potenzialità cognitive, affettive e relazionali di bambini appartenenti a nuclei vulnerabili, con particolare attenzione alle due dimensioni strategiche dello sviluppo psico-motorio e dello sviluppo delle competenze STEM (competenze scientifiche e logico-matematiche).

Il progetto, di natura estensiva e multidimensionale, verrà realizzato con una fitta rete di partner territoriali: 

  • Dipartimento di Fisica dell’Università Federico II di Napoli;
  • ICS Russo-Montale di Napoli;
  • ICS Colombo di Frattaminore;
  • ICS Forino (AV); 
  • Ass. La Bottega del Liocorno; 
  • Ass. Pegaso;
  • Associazione Vernicefresca ETS; 
  • Ass. Pediatri della Campania; 
  • Ass. Un’Infanzia da Vivere; 
  • TILT ETS; 
  • Coop. EDI;
  • Coop. Riva del Sud; 
  • Municipalità 3 del Comune di Napoli

 

La proposta si propone di potenziare l’offerta educativa di tre scuole dell’infanzia localizzate a

Napoli (terza municipalità), Frattaminore e Forino attraverso laboratori scientifici, di teatro-arte-

terapia, di ludopedagogia e artistico-espressivi da svolgersi sia in orario scolastico che

extrascolastico ed estivo. 

 

Nell’area di Napoli sarà attivato un nuovo servizio sperimentale di educativa domiciliare con interventi di tutoraggio e percorsi di sostegno alla crescita. Previsti anche oltre 15 interventi di outdoor education da realizzarsi in aree verdi del territorio regionale. Nel comune di Caivano verrà attivata una ludoteca nell’ambito del percorso di riqualificazione del Parco Verde. Sono inoltre previste azioni di formazione dirette ai docenti e al personale educativo. Con particolare riferimento alle situazioni di maggiore fragilità del territorio saranno attivati: un servizio di prossimità per la consulenza medico-pediatrica attraverso il quale promuovere percorsi di educazione sanitaria; un servizio di prossimità di segretariato sociale e di mediazione familiare, linguistica e culturale.

 

L’intervento prevede di coinvolgere 200 bambini/e 0-6, di cui 110 nella fascia 0-3 anni e 90 nella fascia 4-6 anni e circa 80 genitori.

 

L’articolazione organica e multistakeholders delle linee di intervento mira alla creazione e validazione di un Sistema di Tutela “Child Safeguarding Policy” al fine di rendere chiaro e fruibile sul territorio l’impegno assunto nel garantire la tutela dei/delle bambini/e presi/e in carico dal progetto. 

 

Oceani in costruzione intende, inoltre, dedicarsi ad azioni di sensibilizzazione e advocacy in tema di educazione, pedagogia, competenze STEM e sviluppo psico-motorio, con il chiaro intento di diffondere una cultura dell’educazione e dell’istruzione innovativa e in linea con gli attuali bisogni in termini di potenziamento dei percorsi educativi e di sviluppo integrato di abilità e competenze utili alla crescita e alla realizzazione degli individui.

 

Per rimanere aggiornati sulle attività di Oceani in Costruzione segui la pagina Facebook di progetto.

Per avere una panoramica più ampia di Oceani in Costruzione scarica la brochure

Regioni

Ti potrebbe interessare

Child Safeguarding Policy : un sistema di tutela e responsabilità condivisa per combattere l’abuso e la violenza sui minori

di

La Convenzione sui diritti dell’infanzia rappresenta lo strumento normativo internazionale in materia di promozione e tutela dei diritti dell’infanzia. È stata approvata dall’Assemblea...